American Horror Story: Coven – Recensione 3×04 – Fearful Pranks Ensue

tumblr_mvlo81kvct1s54r51o2_250 tumblr_mvn5ljtszZ1rf17y4o2_250

Dopo tre episodi frenetici, che cambiavano rotta in continuazione, con Fearful Pranks Ensue  riusciamo finalmente a concentrarci su pochi, ma significativi, fatti. Certo, per me che sono un’amante dello splatter e del gore (sto parlando di quell’amore/odio che ti porta a coprire gli occhi con la mano ma lasciare le dita aperte per poter intravedere) mi aspettavo molto più sangue per questo episodio di Halloween ma, in ogni caso, non posso di certo definirmi insoddisfatta, anzi, l’esatto contrario.

Ancora una volta il filo conduttore di questa stagione si conferma essere la lotta di potere: interna, che vede Fiona come Suprema doversi scontrare con il Concilio, e tra clan, con Marie Laveau intenzionata più che mai ad abbattere le discendenti di Salem. Ed è seguendo sempre di più questo spirito che si snodano le vicende di questo episodio – nonché della serie stessa.

tumblr_mvoq6nRRPR1rihnh5o1_500La terza puntata era finita con l’omicidio di Madison da parte di Fiona e il quarto episodio rivive queste ultime scene, solo che dal punto di vista di Spalding. L’uomo, completamente succube di Fiona, si sbarazza del cadavere aiutando ancora una volta la strega a farla franca. Grazie ai flashback che da sempre sono parte integrante di AHS apprendiamo qual è il destino che rende Spalding muto. Immagino che tutti abbiamo sospettato che fosse stata Fiona a privarlo della parola per impedirgli di spifferare il suo segreto, invece, con una sequenza in crescendo, scopriamo che l’uomo si è tagliato la lingua in un gesto di amore incondizionato. Il gesto di Spalding, ma più in generale il personaggio nella sua interezza, rientra in quei caratteri morbosi da sempre presenti nella serie.
E, quasi a voler coronare il tutto, scopriamo che il maggiordomo non ha seppellito il cadavere come gli aveva chiesto Fiona, ma l’ha nascosto nella propria stanza, rendendola bambola umana nel suo santuario di bambole di porcellana. Ecco, questa sì che è una cosa realmente raccapricciante.

Nan, insospettiva dall’assenza dei pensieri di Madison, convoca in segreto il Consiglio delle streghe, presieduto da Myrtle, Quentin e Pembroke, che si mobilita per andare nella scuola di stregoneria; e questi tre personaggi riescono a dare spessore ad una realtà che fino ad ora conoscevamo esclusivamente per sentito dire.
In Coven, Frances Conroy veste i panni di una strega con l’animo corroso dall’invidia, con una profonda sete di vendetta nei confronti della Suprema. Myrtle, infatti, ha sempre sospettato che Fiona fosse l’assassina della vecchia Anna-Lee e prende la sparizione di Madison come una scusa per smascherarla. Purtroppo per lei, Spalding copre le spalle della sua amata lasciando Myrtle in preda ad una vera e propria crisi isterica assolutamente stupenda. Ho sempre adorato ogni personaggio interpretato dalla Conroy, ma questa strega manico di scopa è indubbiamente il mio preferito.

tumblr_mvoq6nRRPR1rihnh5o2_500Quindi, arrivati a questo punto, sembra proprio che sia Fiona a detenere tutto il potere: ora che ha messo a tacere il Consiglio e ha eliminato Madison. Eppure il sospiro di sollievo che tira Fiona viene mozzato dalla confessione di Cordelia che le assicura che Madison non poteva essere la futura Suprema, dal momento che era malata di cuore. Rivelazione che mette nuovamente tutte le carte in tavola e ci porta a domandarci chi potrà mai essere il suo successore. Io ci vedo bene quella sociopatica di Misty – di cui ho sentito particolarmente la mancanza.

A tutto questo va aggiunta l’ira funesta di Marie Laveau che, ancora una volta, si trova a dover vendicare il suo amante, questa volta decapitato da Fiona. La regina del voodoo, assetata di vendetta, rievoca i morti da sotto terra e li scaglia contro la scuola di stregoneria. Adoro la piega che sta prendendo lo show e adoro ancora di più l’inserimento degli zombie, figure che non potevano di certo mancare ad affiancare la stagione delle streghe. Gli zombie vagano tranquilli e indisturbati nella notte di Halloween (solo io qui ho notato un parallelismo con l’episodio di Halloween della prima stagione?), capeggiati dalle tre figlie di Madame Delphine LaLaurie.

Poco prese in considerazione sono state le storyline di contorno.

tumblr_mvlr2e4nO81s8brmvo6_r1_250Il marito di Cordelia ha un’amante (interpretata da Alexandra Breckenridge, che fa il suo breve rientro in questa terza stagione) ma non è questo il segreto più scabroso che nasconde. Nella notte in cui la gente ha il permesso di essere chi vuole realmente essere, l’uomo si rivela essere un mostro, che uccide a sangue freddo l’amante.
Zoe, invece, deve affrontare da sola quanto iniziato con la sua amica Madison e subito si scopre non esserne all’altezza. Alla prima distrazione perde di vista Kyle, che esce di casa per andare chissà dove e Zoe, del tutto incapace di gestire la situazione si ritrova a non sapere assolutamente cosa fare.

In definitiva trovo l’episodio soddisfacente sotto diversi punti di vista. Elegante come suo solito, American Horror Story continua ad essere uno di quei prodotti telefilmici che non delude mai, tutt’altro. La storia continua ad avanzare nonostante in questo episodio possa sembrare quasi di stallo.

Secondo voi chi è la futura Suprema?

tumblr_mvm75tyt8t1qlmtr2o1_500

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non dimenticate di passare da Series Addicted e Telefilm’s World per essere sempre aggiornati non solo su American Horror Story ma anche tu tantissime altre serie tv!

Jeda

Top 5 : Banshee, Twin Peaks, Son of Anarchy, Homeland, Downton Abbey.

Nata e cresciuta in mezzo al verde e alla campagna nel lontano 1990, Jeda sviluppa sin da piccola l’innata capacità di stare ore ed ore seduta di fronte un qualsiasi schermo a guardare serie tv - che, in età infantile, erano cartoni animati. È una dote che le tornò utilissima con l’avvento dello streaming, riuscendo a vedere telefilm senza stancarsi mai, ignorando completamente lo studio e i risultati si vedono: fuoricorso da circa mille anni, la sua preoccupazione principale è quella di riuscire ad essere in paro con i recuperi, almeno una volta nella vita. Le piace leggere, scrivere ed ha una passione quasi ingestibile per le cose oscene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *