Charmed – Recensione 1×15 – Switches & Stones

Il calo degli ascolti che Charmed ha registrato la scorsa settimana non può che essere un indice importante di una nuova consapevolezza: gli americani si stanno rendendo conto di quanto sia noioso questo show.


Tuttavia, devo ammettere che il ritmo di questa puntata, pur restando piatto ed estremamente lento, ha portato a galla diverse rivelazioni. Insomma, siamo passati dal nulla totale della 1×14 al caos sfociato nella 1×15, dove molte verità nascoste sono venute a galla.
Non manca molto al finale di stagione, eppure siamo stati in grado di vedere attraverso i nuovi poteri di Macy il volto dell’assassino di Marisol.

Se non avete visto ancora l’episodio – e avete intenzione di farlo – vi consiglio di fermare qui la vostra lettura.

Partiamo, però, dall’inizio.
Sul finire della scorsa puntata abbiamo intravisto l’esistenza di un tempio, nato sotto le fondamenta della casa delle Prescelte.
Questo tempio pare abbia il potere di amplificare le abilità delle streghe che toccano le sue rune, ed è per questo motivo che vediamo Mel e Maggie trasformarsi nel remake di “Quel pazzo venerdì”. Ironico come Mel, commentando in tali termini l’accaduto, se ne sia uscita con la battuta “l’originale è meglio del remake”. Sicura che non ti riferivi al Charmed n°1?
Ma loro due non sono le uniche ad essere state travolte dal potere del tempio: la runa toccata da Macy risveglia in lei un potere latente, un potere appartenente al suo lato demoniaco e che, a quanto pare, le fa vedere il passato, il presente ed il futuro dal punto di vista di altri demoni o potenziali assassini.

Siamo pienamente d’accordo anche noi!



Ed è così che la nuova spiccata sensibilità della maggiore delle tre sorelle porta ad una risoluzione della “questione Medusa” molto più empatica e meno sanguinolenta di quella proposta da Charity.
Ho personalmente apprezzato il modo in cui è stato trattato un tema molto dibattuto in questi tempi, soprattutto considerando la fascia di età a cui si rivolge Charmed. L’intrattenimento può anche servire per sensibilizzare adolescenti e non ad argomenti di cui, purtroppo, si sente troppo spesso parlare.
Affrontare le conseguenze di uno stupro o di una qualsiasi molestia non è semplice e non è giusto stare a guardare. Questo è il messaggio che danno le sorelle Vera durante il toga party delle kappa e, a mio parere, quella è stata la scena più significativa che ho visto da quando questo show è iniziato.

La seconda rivelazione dell’episodio ce la fa Jada raccontandoci la storia di Fiona, sorella di Charity.
Non è morta come tutti credono, ma è stata spedita nel Tartaro dagli stessi anziani. Purtroppo sappiamo benissimo che non possiamo fidarci ciecamente né di una e né dell’altra parte; Sarcana e Anziani si fronteggiano da tempo immemore e di questo passo non sapremo mai dove sta la verità.
Probabilmente, come si suol dire, essa sta nel mezzo ed, in questo caso, spetterà alle Prescelte scoprire anche quanto sia reale la terza rivelazione.
 


Secondo me è questo lo spoiler più succoso di Switches & Stones: Charity ha ucciso Marisol.
BOOM! Rivelazione!
Non appena Macy compie la sconvolgente scoperta, Charity torce il collo anche ad un’altra anziana e qui ho iniziato a farmi diverse domande.
E se, per ipotesi, l’esilio di Fiona non sia opera di tutti gli Anziani ma di un gioco ordito dalla sola Charity? Se fosse stata lei che, invidiosa dei poteri della sorella, l’abbia spedita nel Tartaro fingendo la sua morte?
Con le risposte a queste domande potremmo davvero capire quali siano le verità degli Anziani e quali quelle delle Sarcana e trarre le nostre conclusioni.

E voi cosa ne pensate?
Lasciate un commento qui sotto e ricordatevi di passare dalla nostra pagina Facebook!

Alla prossima!  

About Mia

Nata - ormai - parecchi anni fa, è da sempre stata una grande appassionata di serie tv, ma solo con l'avvento dello streaming ha iniziato a seguirne talmente tante da mandarsi da sola in fumo il cervello. Partita con "The Vampire Diares" (che non segue più per ovvi motivi di declino), si addentra ben presto in questo mondo che la porta a scrivere recensioni random e a gestire una pagina su Facebook. Oncers incallita, ha una passione folle per Matt Bomer e Nathan Fillion, che ama disperatamente e senza alcuna possibilità di vederli nemmeno da lontano. Ha un "omino del cervello" con fandom tutti suoi, il ché la fa sembrare spesso e volentieri un po' comicamente contraddittoria. Stanno litigando tuttora. Visto che passa un bel po' di ore davanti al pc per vedere telefilm, ama allietare questi momenti con del buon cibo spazzatura: una rovina per la forma fisica, ma anche per questo la colpa ricade sull'omino del cervello. #scaricabarilemodeon Non ha ancora capito la vera utilità di Twitter (e non le frega più di tanto), si diletta tra la costante ricerca di un lavoro - che teme di non trovare mai - e la quarta stesura del suo primo romanzo che sembra essere quella buona. Il tutto tra una distrazione e l'altra. E le montagne di libri che deve ancora leggere.

Check Also

Game of Thrones

Game Of Thrones 8: La recensione finale

Il percorso di Game of Thrones era tracciato, il finale doveva esserci. Piaciuto o no? …

One comment

  1. A me è piaciuto molto questo episodio. In generale mi piace questo reboot, perchè lo trovo più coinvolgente. Da una parte abbiamo più storyline e dall’altra le sorelle sono streghe anche nel loro intimo, cioè utilizzano la magia ed incantesimi con più naturalezza. Il libro delle ombre ha un ruolo molto più relegato a reliquia, invece che centro del loro potere, come invece era nella serie originale.
    Non capisco perché è così snobbato dagli americani. Va bè, sappiamo tutti che quest’ultimi hanno gusti strani, sono capaci di guardarsi 20 stagioni di Grey’s Anatomy o altre cavolate come il nuovo Manifest. Mah, non li capirò mai XD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *