#FridaySerialCrush – Brian & Justin

Non è un mistero che io sia una fangirl della peggior specie, una di quelle capaci di emozionarsi anche per una combo tra shampoo e balsamo.
Ma questa volta ho deciso di fare la seria perché la coppia di cui sto per parlarvi è una di quelle a cui tengo moltissimo.

Una fangirl può avere moltissime ship, un’intera armata di ship, ma sono poche le coppie in grado di entrarle sotto pelle, di farla emozionare per un semplice sguardo scambiato tra i protagonisti e di farla piangere senza dignità davanti ai video su YouTube mentre mangia gelato col mestolo da minestra.
Una di queste coppie che porto nel cuore e di cui sono profondamente e dolorosamente innamorata sono i Britin, ovvero Brian e Justin di Queer as Folk, remake americano della fortunata serie britannica creata da Russell T. Davies, noto al pubblico seriale per aver riportato in auge quella meraviglia di Doctor Who.

tumblr_m2ihzkeVU51qeb2azAndata in onda su Showtime tra il 2000 e il 2005, la serie è ambientata in Pennsylvania e segue le vite di cinque uomini gay le cui vicende amorose e non si intrecciano tra loro dando luogo a cinque intense e meravigliose stagioni.
Senza voli pindarici o fronzoli di cui gli autori sono soliti infarcire le più belle storie d’amore, il pubblicitario Brian Kinney incontra fuori da una discoteca il liceale diciassettenne Justin Taylor, e senza perdere tempo se lo porta a casa e ci trascorre una notte di fuoco.

Justin se ne innamora subito e non lo si può di certo biasimare. Brian è bellissimo, affascinante, ironico, sicuro di sé, ma terribilmente allergico ai sentimenti e ai rapporti stabili, a causa del suo disastroso background familiare.
Nonostante Justin possa risultare inizialmente ingenuo e ammaliato dal fascino dell’uomo maturo, sfrontato e con una grande esperienza in ambito sessuale, è il personaggio che più è evoluto e maturato nel corso delle stagioni, riuscendo a cambiare nel profondo non solo il promiscuo stile di vita di Brian ma aiutandolo anche a ritrovare quella fiducia che aveva perso nei confronti dei rapporti umani, che lo porteranno persino a compiere gesti “non da Brian Kinney”.

tumblr_mg00ziERw11s21t1eo1_1280Estremamente complesso e restio a manifestare i suoi sentimenti per via della paura di amare e di rendere visibili le sue debolezze, Brian è il personaggio con cui è difficile non sentirsi in empatia, ma allo stesso tempo la personalità dolce e comprensiva di Justin tende a far sciogliere immediatamente anche i cuori più duri.
Non è una storia d’amore come le altre: questa è piena di sesso, dolore, malintesi, fraintendimenti, ma tanto tanto amore. Di quello vero e puro, quel tipo di amore che ti fa mettere in secondo piano la tua felicità perché l’unica cosa davvero importante è vedere felice l’altro. E nonostante il linguaggio senza peli sulla lingua, a volte scurrile e le numerose scene di nudo, non bisogna sforzarsi di grattare troppo la superficie per scorgere la bellezza di un sentimento riportato alle sue origini più primordiali e vere.

La complicità e la chimica tra Gale Harold e Randy Harrison sono sublimi e la loro bravura è stata in grado di rendere la coppia una delle più amate dello show. Se non la più amata.

Se li avete amati spero di non avervi fatto piangere, come invece ho pianto io scrivendo di loro.
Se ancora non li conoscete, il mio consiglio è di recuperare immediatamente questo piccolo gioiellino.

About anna_who

Top 5: LOST, Doctor Who, Twin Peaks, Sons of Anarchy, Sex and The City. Classe 1990. Ama alla follia lo sci-fi, il fantasy e tutto ciò che implica il genere soprannaturale. L'incontro con le serie tv avviene in tenera età, quando i suoi la iniziano a Charmed, X-Files e ER. Trascorre l'infanzia tra le crisi adolescenziali dei ragazzi di Capeside e le avventure della Scooby Gang: è a questo periodo che risale la comparsa di alcuni sintomi della telefilia. La sua dipendenza non ha trovato altra cura se non quella di assecondare la sua innata capacità di guardare un episodio dietro l'altro fino a farsi bruciare gli occhi.

Check Also

Anime su Netflix (ma non solo): Voglio mangiare il tuo pancreas

Voglio mangiare il tuo pancreas a discapito del titolo non è un horror ma un …

One comment

  1. TI DO PERFETTAMENTE RAGIONE , NE HO GUARDATI DI FILM O SERIE COSI’ MA QUESTA MI E’ ENTRATA PROPRIO NEL CUORE PER LA STORIA D’AMORE DI BRIAN E JUSTIN , CON TUTTO QUELLO CHE HANNO PASSATO SPERAVO VERAMENTE IN UN LIETO FINE …MA INVECE NO…. ALLA FINE DELLA SERIE HO PIANTO TANTO PER LA FINE DI QUESTA BELLA STORIA D’AMORE E MI SONO SENTITA VUOTA DENTRO … GLI ATTORI SONO STATI SPETTACOLARI ED UNICI NELL’INTERPRETARE I RUOLI…
    QUANTO ARRIVO ALLA FINE DELLA 5 STAGIONE SENTO IL BISOGNO DI RICOMINCIARE A VEDERLO PER NON SENTIRMI VUOTA….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *