Outlander – Recensione 3×01 – The Battle Joined

Jamie_battle

Con “The Battle Joined” ritorna, finalmente, il nostro amatissimo Jamie, volevo dire, Outlander.

Come sapevamo, la battaglia non poteva finire diversamente da come ci è stata presentata, ma almeno di una cosa siamo più che estasiati: non dovremo più preoccuparci del temuto Frank del passato, Jonathan “Black Jack” Randall, il soldato inglese che non faceva altro che rovinare il sonno del nostro Red Jamie, che in questo episodio ho soprannominato “lucky bastard”.
Anche questa volta se la cava, anche se messo parecchio male, tornando alla sua amata Lallybroch. Tutto questo grazie ad una promessa d’onore, fatta dal ragazzo salvato in passato, fratello del generale che si sta occupando delle uccisioni dei ribelli dopo la battaglia.
Una citazione va fatta al buon vecchio Rupert, che ci lascia con onore e una lacrimuccia sulla guancia. Ma sul web si è scatenato l’hashtag: #savemurtagh. Come non poteva, dopo tutti questi anni all’insegna della profonda amicizia tra lui e Jamie. Ovviamente dobbiamo aspettare i prossimi episodi per sapere le sue sorti, ma almeno per quanto mi riguarda sono ottimista e spero in un colpo di scena degno di Murtagh.

Ovviamente Outlander non poteva tornare senza Claire, che incinta più che mai fa fatica a stare al passo con i moderni fornelli, ricorrendo al più semplice camino. Come darle torto.
Oltre che i fornelli, Claire fa fatica anche a stare al passo con il terribile modo in cui le donne sono trattate nel suo tempo. La società patriarcale in cui vive ovviamente le sta stretta dopo aver sperimentato la libertà di un passato che ora le manca più che mai.
La sua relazione con Frank è ancora vacillante, colpa dei ricordi che fanno ancora troppo male e il dubbio sulle sorti di Jamie. In questo episodio vorremmo a tutti i costi trovare un difetto in Frank, ma a parte il fatto che non è scozzese e non si chiama Jamie, non riesco a trovare altro. Fa di tutto per essere presente e per supportare, e sopportare, sua moglie, nonostante la sua freddezza ed il suo essere scostante, e soprattutto era e sarà presente per la bambina. Per non parlare poi della lettera che, poco prima che a Claire si rompessero le acque, stava scrivendo al reverendo. Frank ama talmente tanto sua moglie che mette da parte il suo orgoglio per placare l’animo della sua amata.

Tutto è bene quel che finisce bene, Claire rinsavisce appena vede la sua bambina, portata amorevolmente in braccio da suo marito, che finalmente accetta. Se solo non fosse stato per quel “Da chi ha preso i capelli rossi?” dell’infermiera che ci ha fatto digrignare i denti.

Che dire, nonostante la tristezza per la terribile sorte dei ribelli scozzesi, non possiamo non gioire per questo ritorno energetico della serie. Ma cosa ne sarà della lettera? Di Jamie? E di Murtagh? Voi cosa ne pensate? Commentate con noi l’episodio e fateci sapere le vostre teorie.

Infine vi invito a passare per le pagine affiliate La Gazzetta di Outlander  Il Mondo di Jamie & Claire – The Italian Fangroup  Blends of Scotland, Ireland, UK: Ladies’ perfect tea  Caitriona Balfe Italian Fans e lasciare un bel like!

About MissEmi

Amante di serie dai tempi in cui guardavo ER con mia madre. Avevo 7 anni. Le serie sono il mio pane quotidiano. Scrivere fa semplicemente parte di me.

Check Also

How To Get Away With Murder – Recensione 4×08 – Live. Live. Live.

Come dovevamo ampiamente aspettarci, il mid-season finale di How To Get Away with Murder ci …

2 comments

  1. beh teorie .. c’è poco da immaginare/teorizzare su una serie tratta da libri dove si sa già cosa accadrà in questa 3 stagione (siamo ormai arrivati a 8 libri e ne mancano ancora 2 per la conclusione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa i cookie. Chiudendo questo avviso, scorrendo o cliccando acconsenti all\'uso dei cookie da parte di Google. More Info | Close