Ozark – Jason Bateman svela i dettagli della nuova serie di Netflix

Nel nuovo trailer di Ozark ci viene offerto uno sguardo più profondo e intenso della serie che sembra essere un nuovo must di Netflix. Ci presenta Jason Bateman, vincitore di un Golden Globe – che ha anche diretto quattro episodi della serie di cui è produttore esecutivo -, coinvolto in un affare pericoloso alla “Breaking Bad” e in drammi familiari alla Sopranos, a causa dei suoi modi efferati, che mettono in discussione la sua fragile relazione con sua moglie (la nominata agli Oscar Laura Linney) e la sua famiglia. La serie di 10 episodi debutterà il 21 luglio sul colosso dello streaming.

Il sito Deadline ha recentemente parlato con Bateman riguardo la sua nuova serie, sicuramente sarà un modo di rompere il ghiaccio, ed ha fornito anche delle news riguardo il ritorno del suo progetto passato Arrested Development.

Da quanto state lavorando a Ozark? Sei stato coinvolto dall’inizio?
Ho letto per la prima volta la sceneggiatura due anni fa e ci sono voluti alcuni mesi prima di cominciare. Abbiamo avuto bisogno di nove mesi per girarlo e quattro per la postproduzione. Il mio agente dice che ha letto due delle migliori sceneggiature e ha insistito che dessi loro uno sguardo. Non sapevo se volessi partecipare o meno a questa serie, perché mi avrebbe portato via alcuni progetti di regia, ma sono stato preso e ho accettato di farlo. Sono produttore esecutivo e ho diretto quattro episodi. È stato come girare un film di 600 pagine. Sono così fiero del lavoro degli sceneggiatori, il modo in cui tutto fila negli ultimi due episodi è così elegante. Loro controllano tutti i bisogni dello spettatore, ma si tratta di uno show per pochi.

Il nome dello show ci fa pensare a persone di montagna, ma in questo caso non è affatto così. Si tratta di una scelta intenzionale?
Il titolo è fantastico proprio perché fa quello che dovrebbe fare. Dà un po’ di sapore a ciò che avverrà, ma ci lascia con molti quesiti su cosa possa riguardare.

Cosa ti piace dello show?
Come regista, sono stato molto attratto dai toni e dai sapori del concept. Sapevo che si sarebbe prestato a diverse interpretazioni. Mi piace e sono interessato ad imparare molto riguardo la regia ad occuparmi di diversi aspetti. Ci sono delle componenti musicali, visuali, di luci ed editoriali molto specifiche. Ci sono delle atmosfere che vuoi esprimere, ma devi essere discreto nel farlo, perché potresti affogarci. Nelle comedy questi toni e queste palette non sono necessari, non viene sprecato del tempo, come se si volesse girare un film di Wes Anderson. Come attore sono attratto da personaggi che possono attrarre il pubblico il più possibile. Mi succede perché cerco sempre di prendere tutti, perché mi piace la responsabilità di essere il proxy del pubblico. Lui è un personaggio che sta giocando con l’idea del sogno americano. Vuole tagliare i tempi per arrivare qui più velocemente? Cosa farà per la sua famiglia e sarà abbastanza intelligente da avere il fegato di andare incontro alle decisioni discutibili che sta prendendo? Sono cose che gli americani fanno e pensano. Noi viviamo in una società dove “ognuno è per sé” e c’è sempre questo sogno per ogni cittadino che dimostra cosa siamo disposti a fare per raggiungere quello che vogliamo.

Perché pensi sia un buon momento per questo tipo di show?
Quando Bill Fubuque l’ha scritto, Donald Trump non era ancora stato eletto. È stata una circostanza fortuita che lo show riprendesse questa atmosfera, dove le persone di una grande città provano a capire la campagna e cosa è importante per loro. C’è una possibilità che ci sia un risveglio su come la campagna non dovrebbe essere sottovalutata. Marty decide di espandere questa piccola cittadina, ma calcola male i suoi piani che finiscono per essere molto più impegnativi di quello che si aspettava. Vederlo provare a raggiungere i suoi scopi è la parte più divertente.

Dal trailer e ancor più nel primo episodio sentiamo una sorta di ambiente tossico, e ancor di più una strana e gradevole dinamica tra Marty e la sua famiglia.
Se rimanete fedeli a questa immagine, sarete ricompensati quando terrete a mente determinati elementi. È difficile diluire la dinamica di una famiglia tradizionale in 10 episodi. Non è il filone principale della storia, ma fa da sfondo.

Ha dei contenuti dark, fai uno sforzo per bilanciarli con qualcosa di più leggero?
Vorrei poter prendere questo genere di decisione, quando si tratta di qualcosa di così specifico. La verità è che in alcuni ambienti prendi ciò che ti danno. Ci sono probabilmente una mezza dozzina di attori in questa industria che possono scegliere di fare quello che vogliono, quando lo vogliono. Il resto di noi può prendere quello che gli viene dato e cercare di modificarlo in qualcosa in cui possono riuscire meglio. Questo è qualcosa da cui sono estremamente attratto e non voglio cambiarlo. Mi piace essere un attore che crea un lavoro. Ozark ce l’ha in un mondo che amo. Sono un grande fan di Fincher e ciò è un filo pericoloso che tira avanti l’intera storia, senza che tu ti possa allontanare da quel che si ha già, da quella che è la normalità. Come regista e attore, sono attratto dal cavalcare quel mezzo, quando è possibile, scivolare da una parte all’altra, dal drammatico alla commedia.

Parlando di argomenti più leggeri – è stata annunciata la quinta stagione di Arrested Development. Cosa ci dobbiamo aspettare?
Cominceremo a girare la prima settimana di agosto, ancora non ho visto le sceneggiature, ma so che sarà il secondo di una storia a tre atti iniziata con il primo ciclo degli episodi di Netflix. Si tratta di una storia che Mitchell Hurwitz ha cominciato dopo gli episodi della Fox. Non c’è alcun piano per il terzo atto, ma se questa stagione avrà una buona accoglienza, è sicuramente una possibilità. Una delle storie più importanti è la morte del personaggio di Liza Minnelli e chi è il colpevole. Non sarà un giallo a se stante, ma uno degli argomenti principali.

Fonte

About missdanastood

Parlo troppo e il mio corpo è fatto al 100% di caffeina e rabbia. Se fossi un personaggio di un telefilm, sarei entusiasta come Leslie Knope, pazza come Charlie Kelly, ossessionata da Got come Ben Wyatt il tutto con le fattezze di Kimmy Schmidt e l'armadio di Hannah Horvat

Check Also

The Fosters

The Fosters – Anticipazioni sul midseason finale

La produttrice esecutiva di The Fosters, Joanna Johnson, fa notare che “tutte le nostre feste hanno sempre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa i cookie. Chiudendo questo avviso, scorrendo o cliccando acconsenti all\'uso dei cookie da parte di Google. More Info | Close