Queer as Folk – Il cast parla della serie in una mini reunion

“La cosa che devi sapere è, è tutta questione di sesso.”

Questa è la perla di saggezza che Michael Novotny condivide mentre le telecamere inquadrano una discoteca piena di ragazzi sudati e senza maglietta nei primissimi secondi della serie tv di Showtime Queer as Folk, che ha debuttato sugli schermi a dicembre 2000.

Il persoanggio interpretato da Hal Sparks che oggi ha 48 anni, aveva ragione solo a metà.

Nel corso di cinque stagioni, l’acclamata serie tv, basata su un’omonima inglese, ha seguito le vicende di Michael e dei suoi amici: Brian (Gale Harold, 48), Emmett (Peter Paige, 48), Ted (Scott Lowell, 53), Justin (Randy Harrison, 40), Lindsay (Thea Gill, 48), e Melanie (Michelle Clunie, 48), trattando temi relativi alla vita da omosessuali all’inizio del nuovo millennio. (Sua madre, Debbie, interpretata sa Sharon Gless, 75, è sempre stata presente per dare consigli o fornire una frecciatina.)

Riunitisi per la prima volta dopo aver filmato il finale di serie nel 2005, il cast principale e i produttori esecutivi Daniel Lipman e Ron Cowen riflettono sui momenti più importanti di Queer as Folk.

Abbiamo visto l’opportunità di poter parlare di moltissimi temi che non erano mai stati mostrati sulla tv americana prima,Ron Cowen ha commentato così il fatto di aver voluto fare una versione americana di Queer as Folk. “Questo è stato molto importante per noi, perché come gay non vedevamo un vero riflesso di noi in televisione molto spesso. Allora, non potevamo sposarci. C’era la regola del non chiedere e non dire nell’esercito. In 14 Stati c’erano ancora le leggi contro la sodomia. Era un’atmosfera molto ostile.

La serie è stata la prima del suo genere: un vero riflesso della vita da omosessuale… e del sesso omosessuale.

Potrei dirvi come appaiono i genitali di tutti qui dentro,” ha scherzato Randy Harrison. “Non lo farò, ma potrei.

Thea Gill aggiunge: “Penso che la sessualità – e l’onestà di quella sessualità – ci abbia spinti per tutta la durata della serie.

Ma il cast era stato avvertito che il loro crudo sguardo nel mondo LGBTQ avrebbe potuto fare alzare ben più di qualche sopracciglio – e qualche picchetto. “Abbiamo avuto degli incontri dove ci dicevano che avremmo ricevuto delle mail cariche di odio e di minacce e dovevamo essere preparati,” ha dichiarato Michelle Clunie.

Pensavamo che il maggiore contraccolpo sarebbe stato dalle persone religiose di estrema destra, ma non abbiamo mai ricevuto una parola,” ha aggiunto Cowen. “Lo show ha ricevuto critiche dalle persone gay e dalle organizzazioni gay, ma non hanno mai detto che non stavamo raccontando la verità. Come abbiamo spesso detto ‘se non ti piace il riflesso che vedi nello specchio, non dare la colpa allo specchio.’

Queer as Folk è stato un successo inaspettato ed era la serie più vista di Showtime per la fine della prima stagione. “È stato bello scoprire che era stato ricevuto e le persone commentavano quello che stavamo facendo, ma improvvisamente non ero più me stesso perché ero diventato [Brian],” ha detto Gale Harold. “Era davvero entusiasmante, gratificante, ma anche fottutamente spaventoso.

La serie ha goduto di un successo enorme, ma il cast ricorda vividamente quando nel 2004 gli hanno comunicato che la prossima quinta stagione sarebbe stata l’ultima.

Nell’ultimo anno, ogni scena era importante,” ha affermato Sharon Gless. “‘Questa è l’ultima scena che farò con Randy.’ Questa è l’ultima scena che farò con Thea’ Anche se era triste, era anche completo.”

L’episodio finale è andato in onda [in America] il 7 agosto 2005, ma i protagonisti sentono che l’eredità di Queer as Folk è viva ancora oggi.

Si possono vedere moltissimi semi, penso, in molti movimento nella società mentre andiamo avanti,” ha dichiarato Hal Sparks. “Non per darci troppe arie, ma penso che alcuni di questi siano arrivati direttamente dall’esistenza dello show.

E il cast dice di divertirsi molto a incontrare i fan che percepiscono una connessione profonda con la serie.

Due dei sopravvissuti della strage al locale Pulse sono venuti da me e mi hanno detto ‘Vogliamo solo ringraziarti per aver fatto la storia della bomba scoppiata all’interno del night-club Babylon,‘” ha detto Robert Gant. “Erano pieni di lacrime, e sento che ci sono molti aspetti ancora attuali.

Scott Lowell aggiunge: “Facciamo delle convention con i fan e cose simili in tutto il mondo e questa è una cosa abbastanza unica per un drama basato su delle relazioni. Non ci sono laser, non ci sono persone con dei mantelli volanti… beh, c’erano dei ragazzi con dei mantelli.

E sebbene al momento non ci siano serie discussioni riguardo un reboot o un revival, i protagonisti di Queer as Folk dicono che va bene così perché è una serie senza tempo.

Dio sa che i vestiti e i look sono cambiati, ma le storie emotive sono eterne,” ha condiviso Peter Paige. “Dico spesso che le persone sono venute per i froci [queer], ma sono rimasti per le persone [folk].

Queer as Folk in Italia è stata trasmessa tra il 2006 e il 2007 sulla rete di Mediaset Premium chiamata Jimmy.

Fonte

About chiara_mini

Fin da piccola si è innamorata delle serie tv con Buffy The Vampire Slayer, ha passato l'adolescenza a Tree Hill dove ha vissuto grandi amori, versato tante lacrime e si è creata una famiglia tutta sua con tanti Brothers & Sisters! Sempre a Pasadena passa le sue giornate a ridere con i nerd più fighi del pianeta parlando della teoria del Big Bang. Nel tempo libero combatte i mostri assieme ai Winchester e dà una mano a Eric a Bon Temps. Game of Thrones è la sua bibbia.

Check Also

Ecco perché GOT non meritava di vincere agli Emmy

Non giriamoci troppo intorno: sono incazzata. Anzi, sono incazzatissima con la 70esima edizione degli Emmy, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa i cookie. Chiudendo questo avviso, scorrendo o cliccando acconsenti all\'uso dei cookie da parte di Google. Per Maggiori Informazioni | Chiudi