Serial Must – Merlin

Benvenuti nella nuova rubrica di Serial Crush che vi suggerirà, ogni due settimane, delle serie Must che almeno una volta nella vostra vita dovrete vedere, e se le avete già viste prendete questa rubrica come un promemoria che vi ricorda quelle serie che avete amato e che vorreste rivedere nei momenti in cui tutte le nuove serie tv andranno nelle loro pause invernali-estive. Ci occuperemo non solo di serie concluse, che ci hanno accompagnato durante la nostra vita, ma anche di serie poco conosciute che però riteniamo siano molto valide, tanto da divulgare il verbo.

Inauguriamo questa rubrica con Merlin.

Merlin

La storia di Artù e dei cavalieri della tavola rotonda la conosciamo, bene o male, un po’ tutti e non sono mancate le varie rivisitazioni nell’arco del tempo, tra film, cartoni animati e telefilm. Siamo stati abituati a pensare ad Artù come un uomo ormai maturo e soprattutto re che guida la sua gente aiutato dai suoi cavalieri e da un fidato consigliere, Merlino, mago stravagante, potente e dalla lunga barba bianca.

Quello che invece ci ha offerto il canale BBC, dal 2008 al 2012, è una versione totalmente inedita in quanto i protagonisti sono due giovani e coetanei Artù e Merlino che affrontano numerose avventure in una terra dove la magia è proibita da vent’anni.

“In a land of mith and a time of magic,
the destiny of a great kingdom rests
on the shoulders of a young boy.
His name… Merlin”

Recita così l’inizio di ogni episodio di questa serie per grandi e piccini dove i protagonisti, così diversi e così complementari tra loro, riusciranno a rubare il cuore di ogni spettatore. Il giovane Merlino arriva a Camelot dopo che la madre ha ritenuto opportuno che lasciasse il suo piccolo villaggio, dove non poteva esprimere al meglio i suoi poteri. Nella città dove la magia è proibita si affida a Gaius, medico di corte che lo aiuterà a conoscere meglio i suoi poteri e la magia. Il destino di Merlin sarà quello di aiutare Artù a diventare re, un re giusto e che accetti la magia per arrivare a costruire la famigerata Albion. Quello che più lo aiuterà nel suo cammino sarà il Drago tenuto prigioniero nel sottoterra del castello, ultimo della sua specie e risparmiato da Uther Pendragon come monito per i posteri.

Nelle prime stagioni le avventure che coinvolgono Merlino e Artù possono risultare un po’ monotone e ripetitive ma la serie, man mano che si va avanti, sa crescere bene e sa intrecciare quelli che sono i punti salienti della storia. Protagonisti, insieme al principe e al mago, sono: Lady Morgana, protetta di Uther, la quale crescerà tanto nel corso delle stagioni fino a diventare indispensabile per lo show; la serva e amica di Morgana, Guinevere (Ginevra, scusate ma mi piace pronunciare il nome all’inglese), proprio colei che farà battere il cuore e perdere la testa ad Artù; il re Uther Pendragon, uomo forte e tutto d’un pezzo che non vede di buon occhio l’uso della magia e che condanna a morte chiunque venga scoperto a praticarla; il già accennato prima Gaius, medico di corte e l’unico a corte a conoscere il segreto di Merlino. Nel corso delle stagioni aumentano sia gli amici sia i nemici dei due protagonisti, si formeranno anche i Cavalieri della Tavola Rotonda, come è giusto che sia, e il mago acquisirà più consapevolezza dei suoi grandi poteri.

Perché questa serie, diffidate dalle imitazioni francesi/italiane, è un MUST che tutti dovrebbero guardare? Perché è divertente, perché si riesce ad immedesimarsi nei personaggi (che possono essere coetanei di tutti) e perché tutti vogliamo che il bene prevalga sul male. Merlin è tutto questo, il finale (senza spoilerare troppo) ha lasciato un po’ l’amaro in bocca a tutti, ma quali serie tv hanno un finale che metta tutti d’accordo? Ce ne sono pochissime. Se ancora non avete avuto l’opportunità di guardare questa serie targata BBC, vi esorto a farlo e a lasciarvi trasportare nella terra dei miti e della magia! Vi innamorerete degli occhioni celesti e delle orecchiette di Colin Morgan che interpreta Merlin dei capelli biondi, e dei modi di fare di Arthur, interpretato da Bradley James, odierete/amerete in tanti casi Uther e Lady Morgana, interpretati rispettivamente da Anthony Head (Signor Giles di Buffy) e Katie McGrath. E ancora perderete la testa per i valorosi Cavalieri della Tavola Rotonda.
Oltre agli aspetti positivi delle serie, ce ne sono anche negativi: primo su tutto gli effetti speciali che a volte lasciano a desiderare, l’unico decente è il Drago, e poi le varie sotto trame che spesso e volentieri vengono lasciate aperte oppure chiuse così frettolosamente che non avrete nemmeno il tempo di pensare. Nonostante tutto rimane una delle serie che più amo e che mi piace rivedere, anche solo per l’intro di ogni episodio dove a parlare è John Hurt che presta la voce al Drago e per la sigla melodica.

Spero di avervi convinto a guardarla, o a vederla un’altra volta!

ManuMa

Amante di libri, musica, cinema e serie tv (altrimenti non sarei qua!). Ho perso il conto di quante serie tv guardi, ho iniziato ad appassionarmi grazie a Prison break e successivamente Chuck, e da quando guardo le serie in contemporanea con gli States ho trascorso tanto di quel tempo al pc che potrei essere diventata un tutt'uno con esso. Prediligo le serie comedy, drama e fantasy che dire? La mia età non la rivelo ahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *