Shadowhunters – Recensione 3×15 – To the Night Children

A soli sette episodi dalla fine, Shadowhunters ci regala un episodio più che convincente, che intrattiene e, al contempo, fa rimpiangere il potenziale sprecato della serie.

Al centro delle vicende di “To the Night Children” c’è il piano di Heidi, incarnazione più sexy e cresciuta della Maureen Brown letteraria. La follia ed ossessività del personaggio sono rimaste le medesime e le scene che la vedono protagonista sono convincenti, incluse quelle che vedono Maia oltrepassare il limite e probabilmente segnare la fine del suo rapporto con Simon, il quale rimane irrimediabilmente umano dentro ed estraneo alle politiche e vendette dei Nascosti. Unico neo della storyline in questione è la volontà di Luke di dichiararsi colpevole e sottoporsi all’arresto, vicenda che avrebbe avuto più senso se l’ex capobranco l’avesse imputato ad un suo sincero senso di colpa. Attribuirne, invece, la motivazione alla necessità di non far scoprire ai suoi colleghi l’esistenza dello Shadow world appare come una forzatura: possibile che in tanti anni di servizio non gli sia mai capitato di dover coprire fatti di cronaca che celavano la presenza del sovrannaturale? In tal caso, Luke avrebbe dovuto passare più tempo da imputato che da poliziotto.

Altrettanto ben fatta è la parte di episodio che coinvolge Clary, ormai sempre più legata al fratello e sempre meno padrona della sua volontà. Irrimediabilmente attratta dal fuoco, sia letteralmente sia metaforicamente, la giovane Fray sta perdendo il contatto con la realtà e si sta avvicinando a piccoli passi all’oscurità di Jonathan Morgenstern, tanto da spingere Jace alla risoluzione di portarla dai Fratelli Silenti. Tuttavia, se le pagine dei libri valgono ancora qualcosa, è lecito pensare che nemmeno loro avranno il tempo o le forze di agire contro un marchio ancestrale come la runa impressa da Lilith. Alla luce del piccolo assaggio che ne abbiamo avuto nello scorso episodio, sono sinceramente curiosa di vedere la svolta dark di Katherine McNamara, le cui doti attoriali sono sì migliorate ed ancora migliorabili, ma subiscono un’evidente impennata quando si trova a recitare con partner più esperti come Tudor prima e Baines adesso. Tifare per il Clace di questi tempi è più duro che mai…

Concludono l’episodio le vicende di Alec e Magnus, che si confermano coppia reggente della serie, e quelle di Isabelle. Se la storyline dei Malec e del malessere di Bane appare sì superflua, ma tutto sommato accettabile alla luce delle difficoltà che senza dubbio porterà nella loro relazione, altrettanto non si può dire per quella che concerne la giovane Lightwood.Il personaggio di Izzy è certamente quello che risulta più maltrattato dalla trasposizione televisiva di Shadowhunters. Svuotata del suo carisma e della sua forza, il legame assolutamente inventato e sdolcinato con Raphael, congiunto alla questione della dipendenza, non hanno davvero reso giustizia al suo personaggio ed il futuro non sembra più clemente nei suoi confronti. Come si giustificherà la profondità del rapporto con Simon, che farà capolino nei prossimi episodi, quando finora è stato così trascurato? Dopo che è stata vista vulnerabile e coinvolta in una molteplicità di casi, l’eccezionalità del Sizzy è destinata a perdersi.

Quando si adatta una saga sfaccettata e lunga come quella di Cassandra Clare, dovendo rispettare un format che ha ovviamente peculiarità diverse da quello letterario, fallimenti e battute d’arresto vanno messe in conto. Tuttavia, con i picchi positivi di “To the Night Children” Shadowhunters ha mostrato quello che avrebbe potuto essere se si fosse mantenuto con costanza un certo livello qualitativo, senza voler a tutti i costi aggiungere novità quando i tempi ed il budget non lo permettevano.

A voi è piaciuto l’episodio? Ditemi la vostra nei commenti e passate dai nostri affiliati di Shadowhunters Italia.

About Allegra Germinario

Un mix letale fra Buffy Summers e Lorelai Gilmore, trova da sempre conforto in un mondo fatto di libri e serie tv. Fra i preferiti vanno annoverati Buffy l'Ammazzavampiri, Dexter, Justified, Banshee, Sherlock, Gilmore Girls e Jessica Jones.

Check Also

Charmed – Recensione 1×17 – Surrender

Finalmente le cose si stanno facendo sempre più interessanti nel reboot di Charmerd. Pur restando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *