Shadowhunters – Recensione 3×21/3×22 – Alliance/All Good Things… (SERIES FINALE)

Serviamo liberamente perché amiamo liberamente, giacché dipende dalla nostra volontà amare o meno; da essa dipende se stiamo in piedi o cadiamo” (John Milton)

Con questa meravigliosa citazione si conclude la saga letteraria di The Mortal Instruments e oggi è giunto il momento di dare l’addio definitivo anche alla sua più recente trasposizione televisiva. Tuttavia, Shadowhunters non riesce ad eguagliare il suo omonimo cartaceo nemmeno con lo speciale conclusivo da due ore e mezza, che convince per taluni aspetti e molto meno per altri.

Entrambi gli episodi, infatti, hanno confermato il mio giudizio assolutamente negativo sulla resa del personaggio di Jonathan, il quale avrebbe dovuto essere fin dal principio il temibile cacciatore di demoni con sangue demoniaco dai capelli ossigenati e pronto a terrorizzare gli Istituti che qui abbiamo visto solo per pochi minuti. Invece si è scelto di sprecare il potenziale offerto dal personaggio – e in fondo anche da Luke Baines – limitandosi a farlo piagnucolare per l’amore non ricambiato da parte della sorella, per quello negatogli da parte dei genitori e così via. Il punto è: nella mitologia della saga, il sangue di Lilith lo differenzia dai Nascosti, che hanno sì sangue di demone ma non di demone superiore, impedendogli di provare emozioni e sentimenti umani. Valentine gli ha insegnato a fingere per usarlo come sua spia, ma Clary sa bene che non è in grado di amare, perché l’amore non è possesso.

Finalmente Jonathan Morgenstern in versione demoniaca

Bello invece il plot twist finale, in cui a perdere i ricordi dello Shadow World è proprio la giovane Fray, punita dagli Angeli per aver abusato del dono di creare nuove rune. Ben fatta la scena dell’addio, che coinvolge lo spettatore perché solo lui e la protagonista capiscono che di quello effettivamente si tratta, dando ad ogni parola un peso diverso rispetto a chi le ascolta direttamente dalla giovane. Che si sia d’accordo o meno con la logica dietro questo colpo di scena, bisogna ammettere che ha un forte impatto emotivo sullo schermo e mostra coraggio da parte degli autori, dal momento che hanno imposto il sacrificio più grande proprio alla coppia principale della serie.

Il lieto fine dei Malec

Nel flash forward finale ogni personaggio – tranne il povero Jace, che esce bistrattato da questa trasposizione tanto quanto Jonathan – ha completato la sua parabola e raggiunto una sorta di realizzazione. Alec e Magnus sono felicemente sposati e hanno portato avanti politiche di unione fra Shadowhunters e Nascosti con ottimi risultati, Isabelle è capo dell’Istituto e la sua relazione con Simon funziona alla perfezione, Maia ha superato il lutto e curato le sue ferite diventando alfa e ora addirittura imprenditrice, Clary si sta facendo conoscere come artista. La scena finale fra lei ed il suo ex amato lascia un che di aperto nella serie, ma non troppo, facendo intuire che le cose si sistemeranno anche se noi non potremo assistervi. A conti fatti, forse, è meglio così.

A voi è piaciuto il series finale di Shadowhunters? Ditemi la vostra nei commenti e passate da Shadowhunters Italia.

About Allegra Germinario

Un mix letale fra Buffy Summers e Lorelai Gilmore, trova da sempre conforto in un mondo fatto di libri e serie tv. Fra i preferiti vanno annoverati Buffy l'Ammazzavampiri, Dexter, Justified, Banshee, Sherlock, Gilmore Girls e Jessica Jones.

Check Also

Suits – Recensione 9×08 – Prisoner’s Dilemma

Eccoci con la recensione della 9×08 di Suits ad opera di Ellie per Suits Episodes …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *