Sharp Objects – 10 cose da sapere sulla serie con Amy Adams

Giusto oggi ha debuttato Sharp Objects sul canale HBO. La serie con protagonista Amy Adams ha tutte le carte in regola per essere un capolavoro come è successo con Big Little Lies, tutto nelle mani del regista Jean-Marc Vallèe.

La showrunner è la scrittrice di Mad Men, Marti Nixon, mentre la protagonista è l’attrice Amy Adams, nominata cinque volte all’Oscar, che interpreta Camille Preaker, una giornalista molto tormentata che ritorna nella sua città natale per indagare sull’omicidio di una giovane e la scomparsa di un’altra.

Ecco 10 cose da sapere su Sharp Objects:

  • Molti erano interessati ad adattare il romanzo di Gillian Flynn (L’amore bugiardo), ma volevano una versione horror della storia. L’idea non era nella mente di Flynn:

Ho scritto Sharp Objects perché volevo parlare del personaggio di Camille. Ho inserito lei dentro un mistero per invogliare la gente a leggere storie di donne e di violenza e i vari aspetti che queste cose possono prendere in tre diverse generazioni di donne.

  • Marti Nixon ha convinto il detentore dei diritti Jason Blum ad adattare Sharp Objects in una serie piuttosto che in un film:

Volevo che la storia avesse uno spazio maggiore, in questo caso 8 ore, per l’esattezza. Il cinema è ancora molto vecchio stile e le eroine complicate sono difficili da vendere in un film se non hanno un mantello.

  • Amy Adams è molto entusiasta della serie:

Mi hanno contattato durante le riprese di Arrival, mentre lavoravo su un altro personaggio. Quindi concentrare me stessa per quattro o cinque mesi è stato qualcosa di splendido.

  • Jessica Chanstain era l’altro nome in lizza per il ruolo di Camille Preaker.
  • È stata Amy Adams a convincere Jean-Marc Vallèe a essere coinvolto nel progetto. I due stanno lavorando assieme anche a una biopic di Janis Joplin.
  • Sharp Object è stata contesa da Amazon e Showtime prima dello scontro finale tra Netflix e HBO, con l’ultima che è riuscita ad acquistare il film.
  • Il progetto stava quasi fallendo quando Jean-Marc Vallèe è stato coinvolto anche in Big Little Lies e le riprese sono state posticipate di molto. Si dice che la cosa abbia creato delle tensioni interne alla produzione.
  • È stata la prima esperienza da produttori esecutivi per Flynn e Adams.
  • Anche se è il terzo adattamento della Flynn, a seguito dei thriller Dark Places e Gone Girl, Sharp Objects è stato il suo romanzo di esordio. Lo ha scritto nei weekend quando ancora lavorava presso Entertainment Weekly, vendendo da allora almeno 2 milioni di copie.
  • La serie è pubblicizzata come una serie limitata ma si parla già di una possibile seconda stagione, come è successo con Big Little Lies. Flynn e Nixon sembrano avere già qualche possibile idea per il futuro.

 

Fonte: Hollywood Reporter

About Wilfred

Quando nel 2007 ho scoperto che per vedere le ultime due stagioni di OZ dovevo usare i sub in inglese, è stato l'inizio della fine.

Check Also

Arrow – Katherine McNamara si unisce al cast

Sembra che la campagna #SaveShadowhunters sia giunta definitivamente al termine, in quanto Katherine McNamara ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa i cookie. Chiudendo questo avviso, scorrendo o cliccando acconsenti all\'uso dei cookie da parte di Google. Per Maggiori Informazioni | Chiudi