Sherlock – Recensione 3×02 – The sign of the three

downloadIl mio debutto alle recensioni per Serial Crush non poteva essere più drammatico: riuscire a parlare con obiettività di Sherlock, sarà un’impresa ardua, ma ci proverò.

Come se non bastasse, ho adorato ogni fotogramma di questo episodio, che è stato un meraviglioso tributo al rapporto tra Sherlock e Watson, il cuore pulsante di tutto lo show.

Perché si, i casi che risolve il nostro investigatore sociopatico sono sempre avvincenti e intricati, ma ciò che (credo) ogni fan ami veramente e, soprattutto, ciò che faccia davvero la differenza tra questa e tutte le altre trasposizioni più o meno moderne dei personaggi di Conan Doyle sia proprio la chimica scoppiettante che lega i moffattiani Sherlock e Watson.

E’ strano come il miglior episodio, il più celebrativo, oserei dire, dell’inossidabile coppia investigativa sia proprio quello in cui questa coppia diventa un terzetto (o dovrei dire un quartetto?) e si modificano irrimediabilmente gli equilibri.

Sherlock-Series-3

Watson si sposa con Mary e abbandona la sua vita da scapolo dedicata a risolvere enigmi e Sherlock, nel profondo, è consapevole che il loro rapporto non sarà più lo stesso: l’esibizione finale con il violino è una sorta di “canto del cigno”, il saluto a un’era che volge al termine.

Tuttavia, non c’è malinconia in questo, forse anche grazie alla strepitosa figura di Mary, senza dubbio un ottimo acquisto di questa stagione: la ragazza è vispa, brillante, acuta e soprattutto ha capito il legame tra Watson e Sherlock e non lo ostacola.

Mary non è la classica moglie gelosa che pretende di essere sempre al centro dell’attenzione, ma è spalla, supporto, una coraggiosa e valida alleata.

L’episodio, come da tradizione della serie, non è lineare, ma è scomposto, convulso, rapido, colorato e incredibilmente divertente: si intrecciano gli eventi dell’addio al celibato di Watson con quelli della festa per il matrimonio, alternati senza un preciso ordine cronologico, il tutto legato dalla soluzione dell’immancabile rompicapo del giorno.

featured-sherlock-s03e02-wedding-700x352

Ho trovato estremamente interessante e originale proprio come il caso sia stato proposto: dal racconto di episodi apparentemente casuali e scollegati tra loro che Sherlock inserisce nel suo discorso di testimone, al confluire di questi in un unico crimine da prevenire (l’omicidio dell’ex comandante di Watson).

Nonostante questo sia uno dei pattern di Sherlock (proporre indizi random e poi dimostrare che tutto è collegato in un solo disegno) non riesce ad annoiarmi, anzi è proprio quello che ogni volta mi tiene incollata allo schermo: cosa di quello che sto vedendo è rilevante e cosa no?

Qualcuno sta per essere ucciso al matrimonio: Sherlock porta più sfiga di Jessica Fletcher, ma almeno Moffatt&Gatiss sono stati meno sadici di qualcun altro di nostra conoscenza (si Giorgino, ti stanno fischiando le orecchie??) e questo matrimonio non si è concluso come l’ultimo a cui avevamo assistito!

tumblr_mz3gx0htUf1sa14s4o1_1280

Indimenticabili stavolta i siparietti comici: nonostante ogni volta ci sia qualcosa che mi fa letteralmente rotolare dalla sedia (dico solo Sherlock, Mycroft e l’Allegro Chirurgo!) stavolta è stato lasciato più spazio del solito a scene leggere e divertenti: tutta la parte della serata in cui Watson e Sherlock escono a bere è assolutamente grandiosa.

tumblr_mz1emsAX7S1tobsy4o2_250

Da Sherlock che vuole calcolare matematicamente il grado alcolemico per essere solo brilli, ma non ubriachi (perchè non ci avevo mai pensato? Sherlock, non è che me li recapiti i tuoi studi che mi potrebbero anche tornare utili?), a Watson che si ubriaca di nascosto fino alla scena epica di Sherlock che crolla sul tappeto e “inquina” la scena del crimine. Avevo le lacrime, giuro.

tumblr_myyx2p52er1qiy2w3o1_r4_500

Menzione particolare alla scena in cui Watson chiede a Sherlock di fargli da testimone e lui non risponde, ma beve il the da una tazza in cui galleggia un bulbo oculare.

Questo episodio può aver deluso qualcuno: dov’è il Jim Moriarty di questa stagione? Vogliamo il super cattivone geniale all’altezza del nostro sociopatico investigatore, vogliamo vedere qualche altro incredibile plot twist che ci farà mangiare le mani fino ai gomiti per i prossimi due anni.

Anche io voglio tutto questo e spero che il terzo e ultimo (già ultimo?????) episodio ci regali qualcosa per cui maledire la lentezza di Moffatt&Gatiss nel girare la serie, ma questo episodio, seppur fuori dallo schema classico e molto più dedicato a Watson del solito, l’ho veramente apprezzato.

Prepariamoci psicologicamente per un finale col botto e per la prossima attesa logorante, contando le ore che ci separano dall’ennesimo straziante addio a questo gioellino della serialità, che continua veramente a non deludere.

Sarella

Nata e cresciuta in un piccolo paese della provincia bresciana ai tempi di X - Files, vede cospirazioni ovunque e si è convinta che il mondo stia per finire da un momento all'altro.
Ossessionata da tutto ciò che è sci - fi, fantasy e british, non si riprenderà mai dalla cancellazione di Firefly e dall'orrendo series finale di Lost.
Di giorno fa l'avvocato, ma è solo una copertura per il suo vero lavoro da agente dello S.H.I.E.L.D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *