Silicon Valley – I produttori sul passato e presente della serie

Le grandi menti dietro Silicon Valley della HBO hanno poche cose da dire sulle critiche che la comedy ha dovuto affrontare nella quarta stagione. Durante il panel del PaleyFest, tenutosi domenica sera, al cast e ai produttori – tra i quali erano presenti anche gli showrunner Mike Judge e Alec Berg oltre ai protagonisti Thomas Middleditch, Martin Starr, Zach Woods, Kumail Nanjiani e Amanda Crew – è stato chiesto come lo show ha raffigurato lo squilibrio dei sessi nell’industria della tecnologia. “Abbiamo iniziato guardando al mondo della tecnologia, ‘questo è in un certo senso assurdo,” ha dichiarato Mike Judge, riferendosi al fatto che per l’85% si tratta di uomini. “Quindi se qualcosa bisogna esagerarlo. Non penso che ci siamo tirati indietro, ma sicuramente non ero preparato a quanto fosse un argomento sensibile.
Judge ha poi continuato spiegando che è stato sbalordito dalle critiche che sostenevano che lo show serviva solo a peggiorare il divario di genere nella Silicon Valley. “Ho fatto 13 stagione di King of the Hill, e nessuno in tutti quei 13 anni si è mai lamentato che non ci fossero abbastanza donne nel cartone,” ha scherzato, aggiungendo che lui stava semplicemente “prendendosi gioco di un’altra cosa.” Ha poi riconosciuto, “probabilmente ci prestiamo più attenzione rispetto a quando nessuno ci aveva fatto notare la cosa, perché non vogliamo far arrabbiare nessuno. Ma allo stesso tempo, non penso che faccia bene far finta che non ci sia una disparità di genere. Vogliamo prenderci gioco di questo, è quello che facciamo.

Alec Berg, da parte sua, si è detto d’accordo. “Siamo uno show satirico, e ad un certo punto il nostro lavoro è impugnare uno specchio verso la realtà e dire le cose stanno così,” ha raccontato, facendo notare come alcune critiche mosse siano ingiuste. Un esempio che ha indicato è in un episodio della prima stagione dove lo show ha girato e mandato in onda dei pezzi di una vera conferenza sulla tecnologia. “Un mio amico che lavora nel settore della tecnologia mi ha chiamato e mi ha detto devo dirtelo hai completamente toppato durante la Tech Crunch, non hai messo alcuna donna. Ed io ho risposto sai che abbiamo usato una vera conferenza di Tech Crunch? Quindi chi pensi che abbia toppato?” ha ricordato Berg. “Riceviamo molti commenti negativi perché non ci sono abbastanza donne nello show, ma ora penso che sia il mondo della tecnologia che stia rivolgendo lo sguardo verso se stesso e si stia dicendo che forse sono l0ro ad avere un problema e solo perché qualcuno sta ritraendo il loro mondo esattamente com’è non può essere tacciato come il cattivo della situazione.

HOLLYWOOD, 18 Marzo: Stacey Wilson Hunt, Alec Berg, Mike Judge, Thomas Middleditch, Zach Woods, Amanda Crew, Martin Starr e Kumail Nanjiani (Foto di Jeff Kravitz/FilmMagic for HBO)

Infatti il personaggio femminile principale di Silicon Valle (Monica della Crew) non è un interesse amoroso per nessuno degli uomini protagonisti, il che è estremamente raro. “Durante ogni episodio apro il copione e sono tipo se c’è una cazzo di scena d’amore qui me ne vado,” ha affermato Amanda Crew tra le risate del pubblico al Dolby Theatre di Hollywood. “No, ma è una delle cose che amo di Monica, e non penso che sia particolarmente enfatizzato dalla stampa il fatto che lo show ha creato un personaggio che non è un interesse amoroso o solo una delizia per gli occhi. È forse il primo ruolo che io abbia mai fatto dove non c’è nessuno di questi elementi.Kumail Nanjiani ha scherzato riguardo il cercare di mettere insieme i personaggi di Middleditch e della Crew, “correggetemi se sbaglio, ma voi (rivolgendosi a Berg e Judge) avete provato e non c’era abbastanza chimica tra di loro, giusto?

Il team di Silicon Valley ha anche discusso l’uscita di TJ Miller dal cast (l’attore ha deciso di lasciare lo show alla fine della quarta stagione). “Ci siamo già passati in precedenza, quindi sapevano che sarebbe stata una sfida superabile,” ha detto Berg, riferendosi alla morta inaspettatamente di Cristopher Evan Welch, un membro del cast, tra la prima e la seconda stagione. “Sapevamo che sarebbe stato difficile.” Il co-showrunner ha aggiunto che era stato sempre più difficile scrivere qualcosa per il personaggio di Miller, Erich, perché non era qualcuno che lavorava alla compagnia, e che gli autori stavano pensando di fare delle storyline dove lui potesse esternare i sentimenti di marginalizzazione. “E poi, TJ per una serie di motivi, ha semplicemente deciso che il suo tempo era finito e che voleva andare avanti.

Per quanto riguarda il futuro della comedy, Judge aveva già affermato in precedenza che vedeva lo show durare circa sei stagioni. Ma quando gli è stato chiesto se la prossima allora sarebbe stato l’ultima, lo showrunner ha fatto una pausa. “Non lo sappiamo. Guardando questi episodi, abbiamo visto una nuova vita, una nuova energia,” ha anticipato. “Penso che potrebbe andare avanti ancora per un pochino; non si può mai sapere.”

Silicon Valley torna su HBO quesa domenica, 25 marzo. La piattaforma di Sky, che ha un accordo con HBO per i suoi show, non ha ancora annunciato una data di messa in onda per l’Italia.

Fonte

About chiara_mini

Fin da piccola si è innamorata delle serie tv con Buffy The Vampire Slayer, ha passato l'adolescenza a Tree Hill dove ha vissuto grandi amori, versato tante lacrime e si è creata una famiglia tutta sua con tanti Brothers & Sisters! Sempre a Pasadena passa le sue giornate a ridere con i nerd più fighi del pianeta parlando della teoria del Big Bang. Nel tempo libero combatte i mostri assieme ai Winchester e dà una mano a Eric a Bon Temps. Game of Thrones è la sua bibbia.

Check Also

The Good Doctor – Christina Chang sul midseason finale

Wow. The Good Doctor ha chiuso il 2018 con un episodio molto intenso e che ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa i cookie. Chiudendo questo avviso, scorrendo o cliccando acconsenti all\'uso dei cookie da parte di Google. Per Maggiori Informazioni | Chiudi