Speciale Halloween: 10 momenti terrificanti nelle serie tv!

Per celebrare Halloween, la notte più paurosa dell’anno, parte dello staff di Serial Crush ha deciso di stilare una sua personale classifica riguardante 10 momenti terrificanti visti nelle serie tv. Ci siamo sbizzarriti a pensare cosa ci ha spaventati nella nostra vita seriale di ieri e di oggi e questo è il risultato:

1 – Immaginate una bambina piccola ed estremamente curiosa che, una domenica sera, si ritrova a vedere X-Files e ne rimane indubbiamente traumatizzata. Immaginate che quella bambina cresce e, ad una età molto più matura, torna a vedere X-Files giusto per rivangare i traumi infantili e aggiungerne di nuovi.
X-Files vanta una lunga lista di episodi paurosi ma nessuno di questi mi ha terrorizzato come “Home”, il secondo episodio della quarta stagione – e, badate, quando l’ho visto ero già adulta. L’episodio segue la scia del “mostro della settimana” e non la storyline generale della serie e in questo lo fa lasciando il segno. Rimarranno per sempre nella mia testa i tre deformi, i fratello Peacock, e le scene truculente che li hanno caratterizzati, oltre che alla loro bruttezza estetica. Un episodio violento come è stato questo (che, vi informo, è stato il primo episodio della serie ad avere il viewer discretion warning) si merita a pieno titolo di essere ricordato come uno degli episodi più spaventosi di sempre, ricco di sequenze da brivido. Scegliere una scena più spaventosa tra tutte quelle presenti in questo episodio è praticamente impossibile ma di sicuro quella iniziale che vede i fratelli Peacock seppellire un bambino deforme è quella che ricordo con maggiore nitidezza e che ha lasciato il segno sia nelle mie notti da bambina che in quelle da adulta. (Jeda)

 

2 – Penny Dreadful ci ha abituati ad atmosfere cupe ed orrorifiche, ma il momento che rimane più impresso è senza dubbio quello in cui la perfida Madame Kalì (magnificamente interpretata da Helen McCrory) prende il cuore di una neonata morta per compiere un inquietante maleficio. A rendere estremamente disturbante la scena, oltre all’azione in sé, è l’idea che una creatura così piccola e innocente abbia potuto avere una fine così atroce. (Clizia)

neonata

3 – Il secondo episodio di Asylum, la seconda meravigliosa stagione di American Horror Story, ha un titolo di tutto rispetto per il giorno di Halloween: “Tricks and Treats”. Ma non lasciatevi ingannare. Non ci sono bambini vestiti da fantasmi o da scheletri con in mano sacchetto e lanternina a forma di zucca, ma qualcosa che ha terrorizzato davvero i telespettatori. L’esorcismo di Jed Potter, nuovo paziente dell’Asylum sospettato di possessione demoniaca, è una delle scene più potenti e terrificanti dell’intera serie creata da Ryan Murphy & Co.. Il culmine lo si raggiunge con il prete che viene scaraventato contro il muro della stanza, un chiaro omaggio alla celebre scena di The Exorcist. (Anna_Who)

exor

4 – “Hush” è uno degli esperimenti più riusciti di Joss Whedon in Buffy the Vampire Slayer. In questo episodio dei “Gentiluomini”, mostri con l’apparenza quasi di scheletri umani, rubano la voce delle persone per poter così indisturbatamente rubare 7 cuori umani. Nessuno avrebbe mai scommesso sulla riuscita di un episodio quasi completamente muto. Ma Whedon vince la scommessa, scrivendo di fatto uno degli episodi più belli e probabilmente il più spaventoso dell’intera serie. Il fatto di non riuscire a parlare e di dover comunicare solo e unicamente con le espressioni o i gesti o dovendo scrivere i discorsi più complicati è reso in modo tale da rendere lo stesso spettatore ansioso come uno dei protagonisti. Inoltre gli stessi Gentiluomini, pur non avendo l’aspetto di mostri assetati di sangue, sono tra le più spaventose creature mai viste prime. La scena che prendiamo ad esempio in questo caso è quella di quando vediamo i Gentiluomini che vagano indisturbati per Sunnydale alla ricerca del prossimo cuore da prendere. Sembra quasi che la prossima casa possa essere quella di uno di noi. (Chiara M)

 

5 – Restando nel Whedonverse, scelgo di menzionare l’esorcismo praticato in Angel su di un bambino posseduto da un demone nell’episodio 1×14 (“I’ve got you under my skin”). L’intera puntata è disturbante, non solo a causa del tema trattato, ma anche per i risvolti inaspettati che seguono all’intervento della Angel’s Investigations: la scena in cui il fanciullo è prigioniero del cerchio di sale, ormai svelato nella sua natura demoniaca, e chiama la madre per farsi liberare è assolutamente angosciante, così come lo è l’atmosfera complessiva dell’episodio. Vi invito ad entrare in una stanza buia dopo averlo visto o a guardare ancora con gli stessi occhi un bambino un po’ troppo silenzioso. (Allegra)

angelsc

6 – Nella sesta stagione di Dexter l’antagonista è il cosiddetto Doomsday killer, così soprannominato per la sua fissazione biblica con l’apocalisse e la purificazione. Ciò fa sì che i suoi omicidi siano caratterizzati da una forte componente iconica e religiosa, che li rende estremamente scenografici: il suo terzo assassinio vede la trasformazione in angelo (ovviamente nell’ottica distorta della mente di un uomo malato) di una ragazza, mediante crocifissione della stessa. Il tutto avviene in fretta, in una serra, e la plasticità del momento mi è rimasta impressa a lungo, tanto che rivedere la scena mi dà ancora oggi brividi di repulsione e paura al pensiero di cosa l’irrazionalità di certe fedi distorte può produrre. (Allegra)

7 – American Horror Story è una serie prodiga di momenti e personaggi paurosi, ma vale la pena ricordare l’antefatto dedicato al terrificante Axeman di Coven in cui si narrano le sanguinarie gesta del killer e la sua fine per mano di una congrega di streghe (episodio 3×06). Le atmosfere cupe e la bravura di Danny Huston nei panni del maniaco contribuiscono a creare uno dei momenti più riusciti della terza stagione dello show. (Clizia)

AMERICAN HORROR STORY: COVEN Go to Hell - Episode 312 (Airs Wednesday, January 22, 10:00 PM e/p) --Pictured: Danny Huston as The Axeman -- CR. Michele K. Short/FX

8 – Hemlock Grove è una serie del celebre regista e produttore horror Eli Roth e, sebbene sia seguita da pochi, merita un posto in questa classifica. Ricca di momenti splatter e disturbanti, val la pena citare l’orribile morte della dottoressa Chasseur, scorticata viva dall’upir Olivia Godfrey per aver osato ficcanasare troppo nelle sue attività di famiglia. (Clizia)

chasseur death

9 – Nella quinta stagione di The Walking Dead assistiamo a una delle morti più truculente della storia dello show. Splatter e ansiogena (chi non ha pensato per un attimo come sarebbe essere al suo posto?), la morte di Noah rimane nella memoria dei fans come uno dei momenti più terrorizzanti della serie. (Clizia)

10 – In una serie come Downton Abbey, nonostante scene di guerra, morte durante il parto e morte in un incidente stradale, non ci hanno mai mostrato spargimenti di sangue, quindi il fan della serie mai e poi mai potrebbe immaginare di vedere scene raccapriccianti. E invece nella 6×05 ci hanno stupito! Robert Crawley, dopo giorni di fitte addominali, durante una cena importante, preso dal dolore si alza e sputa sangue in faccia alla povera moglie a causa di un’ulcera perforata! Detto così fa ridere, ma nonostante sia abituata a serie come The Walking Dead, all’impatto mi ha fatto troppo schifo quella scena! E poi… povero il nostro Robert, ci ha fatto prendere un bello spavento! (Claire)

Clizia Germinario

Grande appassionata di cinema, serie tv e cucina, ho iniziato ad avvicinarmi al mondo dei telefilm a fine anni ’90, ma ne sono diventata addicted solo diversi anni dopo. Non ho un genere preferito, pur avendo una spiccata predilezione per gli show (come i film, del resto!) che parlano di vampiri e licantropi o, più in generale, di soprannaturale: non per niente il mio serial preferito è l’ineguagliato “Buffy the Vampire Slayer”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *