Suits – Recensione 8×08 – Coral Gables

Siete pronti per la pausa di mezza stagione di Suits? Io, Giò, non lo sono per niente e sono certa di poter parlare anche a nome della mia collega Ellie. Più e più volte abbiamo detto che questa stagione ci sta davvero piacendo, per questo motivo sono contenta di essere qui a parlarvi della 8×08 a nome di Suits Episodes e Serial Crush.
Un breve riassunto della puntata può essere così: “Louis ormai non fa più l’avvocato ma l’inseminatore, Alex interagisce con tutti nello studio e tratta tutti di merda, Samantha è la più tosta di tutti e Gretchen la segue subito dopo, mentre Donna, anche quando non fa niente, sta in mezzo e fa danni”. In effetti, se ci pensate, è molto diverso da una qualunque delle trame della settima stagione, sebbene ci sia comunque qualche punto fermo (tipo Louis che pensa sempre a tutt’altro e Donna che ormai fa di cognome Prezzemolo).
Ora, se devo dirla tutta, non mi convince tanto questa storia che l’unica trama orizzontale riguardi Louis e la sua figliolanza, ma comunque mi piace tanto il suo personaggio in questa stagione, il modo in cui fa evolvere il suo rapporto con Lipschitz e con se stesso, quindi sono ancora disposta a perdonare Korsh per la scelta un po’ petulante.
A questo giro, Louis deve fare di nuovo i conti col passato, ma stavolta con colui che lo bullizzava da adolescente. Le scene flashback fanno veramente tanta tenerezza, anche perché si vede un Louis che non è ancora così ostile e pronto a fare la guerra a chi lo contraddice, ma anzi, vediamo un ragazzino maltrattato dalle cui ceneri poi nascerà il Louis che conosciamo adesso: insicuro, permaloso ma allo stesso tempo tenerissimo e amorevole, il più buono tra i personaggi dello studio. Se nelle scorse puntate ha avuto difficoltà ad accettare determinati compromessi, questa volta non ci ha messo molto a capire che il bene della sua famiglia e il loro futuro viene prima di qualunque problema personale lui avesse avuto in passato, anche perché, parlandoci chiaramente, il dottor Chaz, o come si chiama, nemmeno si ricordava chi fosse Louis, quindi sarebbe stata solo un’enorme perdita per lui se avessero chiesto un secondo parere professionale. Dunque do pieni voti a Louis per la maturità (e a Lipschitz per la continua sopportazione). Mi sento come Alessandro Borghese: “per me è dieSci”.

Alex non ha avuto alcuna importanza, come al solito, ma ha dato la possibilità a Gretchen di avere un bello spazio tutto per sé: ci ha fatto vedere una Gretchen determinata ma un po’ sfortunata, e per questo ringraziamo Donna.


Scherzi a parte, è stata troppo carina quella donna che prima si è offerta di aiutare Alex e poi si è ritrovata a dover chiedere favori prima a una viscida sconosciuta antipatica e poi a Samantha. In questa puntata ha solo fortificato la sua immagine, perché tutti hanno sempre saputo che è una donna tutta d’un pezzo che sa il fatto suo e sa anche quando forse è il caso di farsi da parte (cosa che una certa Rossa ancora non ha imparato), e il fatto che avesse rovinato tutto per una piccolissima distrazione e volesse risolvere ad ogni costo – nonostante l’età e l’esperienza che avrebbe potuto facilmente farle chiudere baracca e burattini e tornare a casa, tanto ormai da perdere non ha più molto – le fa un grande onore. Infatti le hanno dedicato proprio uno spazio tutto suo, senza siparietti con Louis o con Donna, fatta eccezione per l’abbraccio finale, che comunque è stato molto toccante perché, quando vuole, Donna sa essere anche delicata e non troppo rompiballe.
Infine, lo spazio dedicato a Samantha è stato come al solito interessante: nonostante il suo attacco al cliente di Kaldor sia partito dal nulla (come un po’ tutte le cose in questa serie), in ogni puntata non fanno che mostrarci il doppio lato di questa donna: forte, determinata, ma anche (come Louis) dolce e onesta. Se dovessi descrivere Samantha con un aggettivo, la definirei integra. Può aver fatto la guerra a tutti, Donna, Harvey, Alex, Kaldor, ma una cosa l’ha sempre guidata lungo tutto il cammino: l’integrità. Non si può dire lo stesso della nostra amata Jessicona, alla quale io spesso amo paragonarla, e quindi questo me la fa apprezzare tanto, molto di più. Sebbene non sembri così, lei sa bene cosa sia giusto e cosa sbagliato, e non fa un passo in più verso un errore se capisce cosa rischia e cosa invece potrebbe guadagnare. Anche la sua alleanza con Harvey mi è piaciuta molto, e forse l’ho anche già detto, ma se deve nascere una coppia, quella tra Harvey e Samantha mi sembra veramente molto azzeccata, tanto ormai a mio modesto parere ritengo che Donna non abbia quasi più nulla da dare allo show. E non me ne vogliate, io amavo Donna alla follia, però purtroppo non le danno più un’utilità e questo è quanto.
La perla della settimana è finalmente di Harvey.


Ci vediamo alla prossima,
Giò

About Suits Episodes

Suits Episodes nasce come gruppo di traduzione indipendente delle puntate di Suits e di tutto ciò che riguarda questo show. E' amministrato con amore e passione da Elisa e Giò.

Check Also

The Truth About The Harry Quebert Affair – Recensione – Pilot

Buongiorno a tutti, mi chiamo Elisa e recensirò la serie su Harry Quebert. Tratta dall’omonimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa i cookie. Chiudendo questo avviso, scorrendo o cliccando acconsenti all\'uso dei cookie da parte di Google. Per Maggiori Informazioni | Chiudi