Taboo – Recensione 1×06 – 1×07 – Episode Six – Episode Seven

Nel sesto episodio avevamo lasciato un furibondo James Delaney nel suo punto più basto visto fin’ora. La Compagnia delle Indie, da sempre un passo indietro, questa volta assesta il suo colpo per affondare, metaforicamente e non solo, il nostro protagonista. La nave distrutta è stato solo la punta dell’iceberg, in un episodio costellato da colpi di scena e svolte importanti, che concernono l’assassinio del marito di Zilpha per mano di quest’ultima, l’attesa notte di passione tra James e Zilpha, e la morte della giovane Winter, sulla quale si era chiuso l’episodio.

Ma l’episodio sette di Taboo non è certo da meno in fatto di colpi di scena. Come sottolinea Lorna Bow, James ha un cuore, per quanto distrutto e rotto esso sia. La morte di Winter porta James in un stato di sconforto totale, che lo porta a rifugiarsi nell’alcool, afflitto da continui e minacciosi incubi, che affiorano dal logorio e dalla paura di essere il colpevole della sua uccisione. La madre di Winter, da parte sua, convinta che l’assassino della figlia sia James, è pronta a vendicarsi, denunciandolo per aver rubato la polvere da sparo e averla venduta agli americani. La Compagnia delle Indie, in questo modo, capeggiata da Sir. Stuart Strange, può finalmente gridare alla vittoria.

Se lo scorso episodio avevamo visto James ricevere la prima vera sconfitta, il settimo episodio lo vede rialzarsi in piedi, seppur con grande fatica, e rimettere in moto gli ingranaggi del suo piano e della sua mente, veloce e acuta come poche, che con tranquilla spavalderia prende atto di dover essere arrestato e di dover subire le peggiori torture. Non prima ovviamente di aver dato gli ordini giusti alle persone giuste. Figura chiave sarà Michael Godfrey testimone delle malefatte e delle attività illegali della Compagnia delle Indie, costretto ad eseguire gli ordini di James, dopo la promessa di quest’ultimo di un posto sulla propria nave al momento della partenza per l’America. Come sempre, la capacità di orchestrare e ordine piani del protagonista è ciò che cattura e stupisce maggiormente, insieme alla suo tenere allo scuro gli altri personaggi e lo spettatore stesso.

A non stupire però sono la confessione di Brace, che ammette di aver ucciso il padre di James, concedendogli un atto di “gentilezza” e il rifiuto del protagonista a Zilpha. L’amore viscerale e carnale che li legava in passato, ormai è svanito e James non perde tempo a chiedere alla sorellastra di andar via, seppure gentilmente. Il protagonista non è più lo stesso uomo che era arrivato al funerale del padre: se il naufragio e ciò che è accaduto in Africa lo hanno cambiato irrimediabilmente, anche il soggiorno a Londra ha portato ad un’altra evoluzione di James, che hanno condotto al deterioramento dei suoi sentimenti verso Zilpha. E mentre Godfrey travestito da donna, si appresta a salire su una barca senza aver consapevolezza della destinazione che lo attende, James continua a resistere alle torture fino ad ottenere ciò che vuole: un incontro con Sir. Stuart Strange, per affidarli un misterioso compito.

A meno un episodio dalla fine di Taboo, la serie accelera il passo, tra colpi di scena e sequenze d’azioni, dialoghi sempre brillanti e personaggi ben delineati, che mettono l’acquolina in bocca per il finale della prossima settimana. Che James riesca a scappare dalle grinfie della Compagnia delle Indie e della Corona è pressoché certo, il modo in cui ci riuscirà invece è tutto un altro paio di maniche. E noi non vediamo l’ora di scoprirlo.

Come sempre, vi ricordo in attesa del prossimo episodio di visitare le pagine Tom Hardy Italia, Tom Hardy Addicted. e Tom Hardy Italian Fanclub – THIF

About Manuela

Classe 1991. Laureata in Scienze della Comunicazione. Appassionata di cinema e serie tv. Genere preferito: commedia. Nel tempo libero si diletta con la pittura. Top 5: The O.C., Prison Break, Sex and the City, Will&Grace, Daredevil.

Check Also

Suits – Recensione 9×04 – Cairo

Buongiorno, Suitors. Eccoci con la recensione per la 9×04 di Suits by Suits Episodes e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *