Teachers – Recensione 2×09 – In Security

Ben ritrovati ad un nuovo episodio di Teachers.

In questa puntata vediamo come Miss Bennigan si occupi della cerimonia dell’alzabandiera alla Fillmore (solo io ho notato l’ironico paradosso?)

Causa ritiro spirituale, però, non potrà occuparsene e cerca disperatamente qualche volontaria che la sostituisca. L’unica disposta a farlo è Miss Feldman, alla quale vogliamo tutti un gran bene, è una persona ed un’insegnante fantastica, come abbiamo avuto modo di vedere in più di un’occasione. Ma a dirla tutta, non sembra la persona più adatta ad assumersi un compito così formale. Mary Louise mette subito le cose in chiaro: la bandiera rappresenta l’America, bisogna rispettarla al massimo, altrimenti toccherà bruciarla. E invece…

Ma alla fine la Feldman completa il suo addestramento e mette la bandiera al primo posto. Peccato che a nessuno importi davvero.

Intanto, Miss Adler viene praticamente costretta dal preside ad allenare la squadra di kickball. Ora, io personalmente sono tutto tranne che un’atleta, ma non ci vuole un genio per capire che tutti i membri della squadra farebbero meglio a darsi a qualcos’altro, tipo il gioco dell’oca.

Questa parentesi però ci dà la possibilità di ritrovare una vecchia conoscenza telefilmica nei panni dell’allenatrice della scuola avversaria. Chi poteva interpretare la nemesi sportiva di Deb se non la coach vincente per antonomasia? Proprio lei, l’unica e sola: Dot-Marie Jones.

In qualsiasi altro film/telefilm la squadra di perdenti sulla quale nessuno scommetterebbe, si allenerebbe duramente, darebbe il massimo, il coach farebbe un bel discorso d’incoraggiamento, e alla fine nello stupore generale, vincerebbe. Lieto fine, titoli di coda… ma Teachers non è una serie qualunque. Il discorso d’incoraggiamento c’è, più o meno…

Ma non basta, e le iguane vengono tragicamente sconfitte.

Intanto (2), l’addetto alla sicurezza e best buddy del preside, il caro Frank, si accorge che c’è un ladro nella scuola. Questo aspirante Arsenio Lupin ruba – udite udite – i prodotti per pulire dal ripostiglio. Chissà che pensavo! Fossero stati almeno articoli di cancelleria, la cosa sarebbe stata un attimino più interessante, ma spugne e detersivi? Nemmeno quella maniaca dell’ordine di mia madre!

Fortuna che Frank ha installato delle telecamere di sicurezza nel ripostiglio che di lì a poco diventa il set del reality preferito suo e del preside. A che pro abbonarsi a Netflix quando puoi spiare i tuoi colleghi a loro insaputa?

Scopriamo così che Miss Cannon, che sulla carta è una vegana convinta, usa lo stanzino per mangiare di nascosto le coscette di pollo; la sempre perfetta Miss Snap va lì per sistemarsi le mutande.

La “ladra” è invece Miss Watson, che in realtà i prodotti non li ruba, li usa per pulire la scuola. Mistero risolto.

Ma non è finita qui… le telecamere di sicurezza hanno ripreso anche il preside impegnato in dei balletti imbarazzanti. Ma per il bene di questa bellissima bromance in erba, Frank mostra a Toby che anche lui non è sempre virile e perfetto, ma ha dei momenti imbarazzanti. La loro amicizia è salva e possono continuare a vigilare sui corridoi della Fillmore meglio di Batman e Robin.

Appuntamento al prossimo episodio!

 

felicity

Vivo la mia vita come se fosse una commedia musicale e ho sempre desiderato un alter ego versione cartoon, tipo Lizzie McGuire. Di giorno vesto i panni di una dolce insegnante alla Jessica Day, ma chi mi conosce bene sa che sono più un incrocio tra Lorelai Gilmore e Max Black.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *