The Handmaid’s Tale – Intervista al nuovo Comandante

Quando Bradley Whitford cerca di descrivere a parole la sua esperienza in The Handmaid’s Tale, la prima cosa che gli viene in mente è che è “una serie tv brutale” e “travolgente da vedere.” E non è nemmeno il primo a dirlo. Ma ha anche detto che è stata “un’esperienza profondamente creativa,” a 360 gradi, inclusi la prova costume, girare le sue scene, anche doppiare alcuni dialoghi dopo la produzione.

È ovviamente una delle serie tv più emotivamente brutali che sia mai stata fatta, ed è veramente il set più dolce e gentile in cui sia mai stato, il che penso amplifichi il lavoro. Ma è un bel contrasto dopo che dicono azione,” ha dichiarato Whitford. L’attore ha fatto il suo debutto nei panni del Comandante Joseph Lawrence nell’episodio di mercoledì scorso di The Handmaid’s Tale, intitolato Postpartum. Come architetto dell’economia di Gilead, Lawrence era uno dei pochi comandanti che erano ancora disponibili ad accogliere Emily (Alexis Bledel) come ancella dopo tutti gli incidenti negli altri posti.

Mi chiedo perché un uomo brillante ed importante accoglierebbe un’ancella così schifosa,” racconta Emily a Zia Lydia (Ann Dowd) sulla porta di casa di Lawrence prima di essere assegnata ancora una volta. Sebbene l’episodio non fornisca una risposta a questa domanda, appare evidente che non tutte le regole di Gilead vengono seguite da Lawrence. L’arte adorna le sue pareti, i libri sono all’aperto, e la sua risposta al discorso di introduzione di Emily si può riassumere con una parola: “super.” Inoltre sua moglie (Julie Dretzin) ha sofferto delle paturnie mentali e la sua Marta da un occhio solo, Cora (Victoria Fodor), non ha paura di dire quello che pensa. I fan del libro di Margaret Atwood, sul quale la serie è basata, non avranno potuto non notare che quest’ultima ha lo stesso nome dell’altra Marta al servizio dei Waterford, facendo così intuire l’importanza di Lawrence in futuro.

È un personaggio straordinario. Una volta ogni tanto ti capitano questi personaggi dove ci sono tante cose che succedono allo stesso tempo – molte cose contraddittorie e pericolose,” ha affermato Whitford.

Bradley Whitford non è certo estraneo a ruoli molto variegati, essendo stato il protagonista di The West Wing, ma avendo anche partecipato a serie come Trophy Wife, Transparent, Happyish e Shameless. Ma quando si è concretizzata la possibilità di entrare nel cast di The Handmaid’s Tale, lui e la sua fidanzata, Amy Landecker, erano “ossessionati” come spettatori, rendendo Lawrence un ruolo che voleva ottenere a tutti i costi.

Quello che Lizzie [Moss] e Yvonne [Strahovski], e Alexis e chiunque altro stanno facendo in quella serie è un traguardo generazionale nel modo di raccontare,” dice l’attore. “Sono abbastanza esperto e qui si può vedere un’atmosfera creativa magnifica perché ci sono delle meravigliose performance da parte di tutti. Potevo vederlo da fuori che creativamente qui ognuno sta portando il suo meglio. Quando vedi una situazione tipo questa, vuoi salire a bordo. E vi dico che questo è tutto.

Questa potrebbe anche essere la prima volta nella lunga carriera di Bradley Whitford in cui fa parte di qualcosa di culturalmente rilevante come lui pensa che The Handmaid’s Tale sia. Lui ricorda di aver letto il libro originale di Margaret Atwood negli anni ’80 quando alcuni uomini di destra volevano limitare l’accesso delle donne alle cure sanitarie, e fa notare che al giorno d’oggi questi “entusiasti” sono “espliciti” e non cercano nemmeno “di camuffarlo” più.

È sicuramente ironico filmare in Canada. Posso dirvi che le persone in Canada sono piuttosto confuse sul perché abbiamo un presidente così sprezzante verso qualcuno come Justin Trudeau ma che stima dittatori da tutto il mondo,” ha raccontato Whitford. “Come Americano ne sono consapevole. La serie tocca dei punti importanti per me culturalmente e politicamente. La misoginia è alla base della politica di destra. La misoginia è il perché l’aborto è un argomento così scottante. È forse il motivo per cui siamo stati entusiasti di votare un uomo afro-americano come presidente ma non una donna.

Purtroppo Bradley Whitford dà scarsi dettagli sul suo personaggio e su come orchestri e mantenga il mondo fittizio di Gilead, o cosa vuole da un’ancella come Emily, e quali cose possono aspettarsi da lui e da questa coppia gli spettatori nel finale della seconda stagione di The Handmaid’s Tale. Tuttavia ha alcune idee riguardo la somiglianza tra il Comandante Lawrence e qualche personaggio storico. Questa corta lista include: Robert McNamara, il segretario della difesa americano che ha essenzialmente orchestrato l’escalation della Guerra del Vietnam e ha passato il resto della sua vita vivendo in uno stato di rimpianto. È un altro di quei momenti in cui l’arte imita la vita vera che sono ormai diventati sinonimo di questa serie tv.

Santo Dio è terrificante. Ho fatto ‘Real Time con Bill Maher’ con Michael Moore e lui continuava ancora e ancora su come una delle cose più affascinanti di questa serie sono quei flashback e quei momenti dove non stavamo realizzando quello che stava accadendo,” ha dichiarato Whitford. “Uno dei momenti che ha trovato più terrificanti è stato quando il personaggio di Alexis si è cacciato nei guai perché uno dei suoi studenti ha visto una foto di lei con la moglie e quindi lei ha in pratica messo in pericolo il suo lavoro all’università… Questo è successo in una scuola superiore in Texas quest’anno.

Tutto questo “spaventa davvero” Whitford, che ricorda di aver visto Bruce Miller accettare il premio per la prima stagione di The Handmaid’s Tale dicendo cose come “assicuriamoci che questo sia un fantasy distopico e non un documentario.” Whitford ricorda che quella frase ha ricevuto tante risate all’epoca, ma “non è poi così divertente adesso.

Non siamo sicuramente ancora arrivati a quel punto ma sarebbe da irresponsabili esagerare le cose, ma ci sono elementi di quella misoginia presenti oggi,” ha affermato. “La mia citazione preferita oggi è una di Sinclair Lewis che ha detto: ‘Quando il fascismo arriverà in America sarà avvolto in una bandiera e porterà una croce. Sembra proprio azzeccato’.

L’ultimo episodio della seconda stagione di The Handmaid’s Tale andrà in onda mercoledì 11 luglio in America e giovedì 12 in Italia su TIMVision.

Fonte

About chiara_mini

Fin da piccola si è innamorata delle serie tv con Buffy The Vampire Slayer, ha passato l'adolescenza a Tree Hill dove ha vissuto grandi amori, versato tante lacrime e si è creata una famiglia tutta sua con tanti Brothers & Sisters! Sempre a Pasadena passa le sue giornate a ridere con i nerd più fighi del pianeta parlando della teoria del Big Bang. Nel tempo libero combatte i mostri assieme ai Winchester e dà una mano a Eric a Bon Temps. Game of Thrones è la sua bibbia.

Check Also

SDDC – Rachel Bloom sulla stagione finale di Crazy Ex-Girlfriend

Le creatrici della serie, Rachel Bloom e Aline Brosh McKenna, sono intervenute al Comic-Con per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa i cookie. Chiudendo questo avviso, scorrendo o cliccando acconsenti all\'uso dei cookie da parte di Google. Per Maggiori Informazioni | Chiudi