The Handmaid’s Tale – Serena tra segreti, rimpianti e possibilità

Disclaimer: questo post contiene spoiler dall’episodio 5 della terza stagione di The Handmaid’s Tale

Sembra che la parentesi di Serena Joy Waterford all’interno della Resistenza di The Handmaid’s Tale abbia subito una brusca battuta d’arresto.
Scoperta ad aiutare June? Mutilata ancora dal sistema draconiano di Gilead? Niente di tutto questo.

Nell’episodio di questa settimana è riuscita a malapena a rivedere la sua bambina per la prima volta da quando è stata portata via al sicuro, e la sua determinazione nel rovesciare Gilead si è sbriciolata all’instante.
(Qui trovate un recap completo dell’episodio)

Serena Joy ha così tante decisioni da prendere” racconta il produttore esecutivo Warren Littlefield a TVLine “Cosa farà per riunirsi a Nichole?

Ed è esattamente ciò che TVLine ha chiesto a Yvonne Strahovski, star di The Handmaid’s Tale che interpreta Serena, tormentata moglie del Comandante Waterford.

TVLINE Iniziamo col viaggio di Serena in Canada. Mi ha colpito molto il fatto che Fred le abbia dato il permesso di andarci da sola.
STRAHOVSKI : Si, senza dubbio ha colpito molto anche me che l’abbia lasciata andare senza di lui. Certo, in aereo le ha affiancato un Guardiano che lei ha subito disimpegnato una volta in Canada. Ma si, non penso che prima sarebbe successo. Di sicuro è un passo gigantesco di Fred nel tentativo di ricucire il rapporto con lei, che invece fin dall’inizio sembra aver mollato il colpo. Addossa a Fred l’intera responsabilità di averla portata alla decisione dolorosa di dar via la loro bambina, mentre lui cerca di fare progressi dandole un bel po’ di fiducia.
Penso sia una decisione importantissima, in questo momento.

Non posso parlare per Joe [Fiennes], ma forse nemmeno lui crede che lei possa rimanere lì. Se vai in Canada, nessuno sa cosa potrebbe succederti.
Potresti diventare un prigioniero politico. Potresti essere processata. Serena ha pensato a troppe possibilità, fin dal viaggio della seconda stagione: in quel momento avrebbe avuto l’occasione per rimanerci.
Ma in queste circostanze non sai davvero cosa ne sarà di te.

TVLINE : Abbiamo visto June e Serena cercare di costruire un’alleanza all’inizio di questa stagione. Pensi che l’aver visto Nichole abbia fatto svanire tutto?
STRAHOVSKI : Sinceramente, si. Non riesce a pensare ad altro. È una sensazione troppo schiacciante, oscura qualunque altra cosa. Questa stagione, per Serena, è incentrata tantissimo sulle emozioni conflittuali. Uno scontro tra testa e cuore, perchè in qualche modo ha appreso la più grande delle lezioni alla fine della seconda stagione: “Come posso essere una buona madre per mia figlia?”.
Ed essere una buona madre per questa bambina significa mandarla via da questo posto, da questa realtà. E per lei è stato il sacrificio più grande.
L’ha capito, e in fondo sa di aver fatto la scelta giusta, ma in questa stagione lotta per accettarlo. Serena odia se stessa per averlo fatto. Odia Fred per averla spinta a farlo. Odia tutti, e non riesce a smettere di pensarci nemmeno per un minuto. Come farebbe chiunque.

TVLINE : Adesso Serena ha un telefono satellitare. Credi che rifiuterà la seconda offerta di fuga di Mark Tuello velocemente quanto la prima?
STRAHOVSKI : Beh, non penso sia mai stata davvero affrettata nel rifiutare qualcosa. Magari è quello che sembra in apparenza, ma prende in considerazione tutto e pondera davvero a fondo. È esattamente quel tipo di persona: esplora ogni singola possibilità manipolando le circostanze, ed è sicuramente vitale per lei fermarsi a mettere a fuoco un po’ più a lungo.
Almeno fin quando non prenderà una decisione.

TVLINE : Puoi dirci se sceglierà di utilizzare quel telefono in questa stagione?
STRAHOVSKI : Sarà sicuramente utile per ciò che il cuore le dice.

E voi? Lo usereste quel telefono, o rimarreste fedeli a Gilead?
Diteci la vostra, e continuate a seguirci per news su The Handmaid’s Tale!

fonte



About Andrea Ianniello

Check Also

The Handmaid’s Tale – Distopia futuristica, ne siamo sicuri?

Recensione del finale di stagione di The handmaid's tale (3x12): i bambini di Gilead e la loro fuga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *