The Long Song – La crudeltà della schiavitù

The Long Song è l’adattamento televisivo di un omonimo libro – inedito in Italia – scritto da Andrea Levy. In Inghilterra il libro ha avuto un discreto successo, tanto da rientrare nei finalisti del Man Booker Prize e vincere il Walter Scott Prize, un riconoscimento letterario per i romanzi storici portato avanti dai discenti di Sir Walter Scott, i Duchi di Buccleuch.

Tamara Lawrence nelle vesti di July in The Long Song.

La serie conta tre episodi che raccontano la vita di July, una schiava della piantagione Amity in Giamaica. Ambientata nella prima metà del 19esimo secolo, The Long Song pur rappresentando personaggi inventati si intreccia con eventi realmente accaduti; come la famosa ribellione di Natale del 1831 quando gli schiavi finalmente risposero no agli ordini dei loro padroni. Non avrebbero lavorato se non fossero stati pagati e come rappresentato nella serie della BBC, la repressione fu violenta e sanguinosa.

Senza indietreggiare dai particolari più scabrosi, The Long Song racconta, con una massiccia dose di verità, attraverso la storia di July, la fine dei giorni della schiavitù in Giamaica. July è solo una bambina di otto anni, quando per un capriccio della sorella del suo padrone, viene separata dalla madre per poter diventare una schiava di casa. Per poter servire in casa, però, la bambina ha bisogno di un nuovo nome, più adatto: Marguerite. Ed è così che inizia la sua storia. Non si contano le angherie che la bambina, poi la ragazza e infine la donna è destinata a subire dai suoi padroni, fino ad arrivare a rubarle la figlia.

Tuttavia, nonostante la situazione a dir poco drammatica in cui si trova, July ha anche una notevole dose di umorismo che la aiuta nei momenti più difficili e rende la visione di The Long Song davvero piacevole, a dispetto del tema pesante e delle scene cruenti presenti.

Se pensate però che i ruoli siano scontati: padrona cattiva – schiava disperata, avete sbagliato. La padrona, Caroline Mortimer, è interpretata da una bravissima Hayley Atwell che dipinge una donna infelice e prostrata che ha un bisogno spasmodico della sua schiava che è anche la sua unica confidente in un mondo cattivo e malevolo verso qualsiasi figura femminile. Sebbene Caroline minacci molto spesso di frustare a morte July, in realtà arriva spesso in suo soccorso quando le cose si mettono davvero male. È un rapporto di co-dipendenza di cui la donna non può fare a meno.

I personaggi potranno pure essere inventati di sana pianta, ma se cercate un drama storico molto dettagliato nei particolari, allora non potete perdervi The Long Song. L’ennesima prova che alla BBC ci sanno proprio fare con il genere.

Voi avete visto The Long Song? Vi è piaciuto? Scriveteci le vostre opinioni nei commenti.

About chiara_mini

Fin da piccola si è innamorata delle serie tv con Buffy The Vampire Slayer, ha passato l'adolescenza a Tree Hill dove ha vissuto grandi amori, versato tante lacrime e si è creata una famiglia tutta sua con tanti Brothers & Sisters! Sempre a Pasadena passa le sue giornate a ridere con i nerd più fighi del pianeta parlando della teoria del Big Bang. Nel tempo libero combatte i mostri assieme ai Winchester e dà una mano a Eric a Bon Temps. Game of Thrones è la sua bibbia.

Check Also

Charmed – Recensione 1×17 – Surrender

Finalmente le cose si stanno facendo sempre più interessanti nel reboot di Charmerd. Pur restando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *