The Truth About The Harry Quebert Affair – Recensione 1×05 e 1×06

Eccoci con una nuova doppia recensione per la miniserie Harry Quebert. Purtroppo l’università mi sta togliendo tantissimo tempo per le mie amate serie tv, e tra questo e l’uscita casuale delle puntate sto tardando un po’ con le recensioni. Dopo aver introdotto tutti i personaggi rilevanti per la storia, queste due puntate ricche di eventi ci hanno indirizzato verso la fine dell’estate e la scoperta della verità sulla scomparsa di Nola. Avevamo lasciato Harry in preda ai sensi di colpa per il tentato suicidio di Nola, facendolo riavvicinare alla ragazza per paura che commetta di nuovo lo stesso gesto. Harry però è costretto a rinunciare a Goose Cove perché non ha più soldi per pagare l’affitto, ma il buon samaritano Elijah Stern l’ha preso sotto la sua ala ed è disposto a lasciarlo vivere gratis nella sua proprietà per fargli finire il romanzo. Harry e Nola possono finalmente stare insieme e sembrano più felici che mai, tra la settimana di vacanza e la routine giornaliera che si è creata nello scrivere Le Origini del Male. Tuttavia, Nola paga a caro prezzo la fuga da casa per andare in vacanza e viene picchiata e maltrattata dalla madre al punto che, non potendo più sopportare la cosa, tenta di convincere Harry a lasciare Sommerdale a fine estate e partire per il Canada, che è proprio quello che tentarono di fare la notte della sua scomparsa.

Queste due puntate svelano anche il mistero intorno al quadro di Nola, ritrovato da Marcus nella casa di Stern. Nell’estate del ’75 Nola veniva accompagnata dall’autista a casa di Stern per posare per il quadro. Fu proprio Nola a chiedere a Stern di farsi dipingere da Luther Caleb perché aveva bisogno di soldi. Il personaggio di Luther è stato in parte approfondito in questi episodi apparendo abbastanza ambiguo, non solo l’aspetto sfigurato ma per la sua abitudine di spiare Goose Cove, Nola e Harry, per non parlare dell’aggressione a Jenny. Tuttavia mi ha fatto davvero tanta pena quando Travis l’ha picchiato sapendo quello che ha dovuto passare.

Altri sviluppi riguardano le indagini dell’omicidio, prima tra tutti la conferma che la calligrafia sul manoscritto non appartiene a Harry. Finalmente una gioia per il nostro scrittore! La seconda riguarda naturalmente il nuovo arresto, ovvero il capitano Pratt, che nell’estate del ’75 costringeva Nola a praticare sesso orale.

Non ho parole per esprimere il mio disgusto, ma ci tengo a far presente che finora Harry è quello che l’ha trattata meglio di tutti. Non solo non l’ha mai sfiorata con un dito, ma l’amava veramente ed era tra i pochi che la trattava bene e che teneva a lei. Per concludere, l’immancabile colpo di scena finale questa volta riguarda il nostro Marcus che ha iniziato a scrivere il suo romanzo sul caso Harry Quebert, ma le pagine che ha inviato al suo editore vengono casualmente – non ci ho creduto nemmeno un istante – rilasciate alla stampa. Cosa succederà nelle prossime puntate, o meglio quanto se la passerà male Marcus? E cosa intendeva Harry quando ha detto a Marcus di aver fatto una scoperta orribile sulla madre di Nola? Temo che dovremo rassegnarci ad avere sempre più domande e zero risposte fino al season finale.

Alla prossima,

Ellie.

About Suits Episodes

Suits Episodes nasce come gruppo di traduzione indipendente delle puntate di Suits e di tutto ciò che riguarda questo show. E' amministrato con amore e passione da Elisa e Giò.

Check Also

Grey's Anatomy

Grey’s Anatomy 16 – C’eravamo tanto amati

Abbiamo ancora bisogno di nuove stagioni di Grey's Anatomy?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *