The Truth About The Harry Quebert Affair – Recensione – Pilot

Buongiorno a tutti, mi chiamo Elisa e recensirò la serie su Harry Quebert. Tratta dall’omonimo romanzo dello scrittore francese Jöel Dicker, The Truth About The Harry Quebert Affair (La verità sul caso Harry Quebert) è una miniserie appena debuttata su Sky Witness e che vede protagonisti Patrick Dempsey, nei panni del famoso scrittore Harry Quebert, e di Ben Schnetzer, come il suo giovane allievo Marcus Goldman. Prima di iniziare la recensione vorrei fare due premesse: la prima è che sto leggendo proprio in questi mesi il romanzo (sì, mesi perché ha la bellezza di 770 pagine e sto andando a rilento), perciò pur conoscendo metà della storia, non so come andrà a finire e spero solo che la serie non mi rovini la sorpresa finale! Premessa numero due: a primo impatto non mi ha convinto molto la scelta di Schnetzer come Marcus; sarà perché non conosco l’attore o che lo immaginavo diverso, ma mi è sembrato molto più giovane e ancora più pieno di sé di quanto è nel libro. Ho dovuto ricredermi con il procedere della puntata, grazie alla recitazione di Ben e alla chimica che sembra già essersi sviluppata tra il suo personaggio e quello di Dempsey. A proposito di quest’ultimo, non posso esimermi dall’elogiare l’ottimo lavoro di trucco e parrucco nell’invecchiare il bel Patrick per le scene ambientate nel presente. I capelli fluenti del Dr. Stranamore sono tornati (più grigi che mai).

Già dalla prima puntata si capisce che è una serie fatta abbastanza bene e, soprattutto, è fedele al romanzo, cosa che non guasta quando si tratta di un best-seller. Esattamente come nel libro, attraverso un salto temporale di trent’anni la serie svelerà un pezzo alla volta il misterioso e intricato caso della scomparsa della quindicenne Nola nell’estate del 1975, fino al ritrovamento del suo corpo nel 2006 e al conseguente arresto di Harry per il suo omicidio.

Tutto ha inizio nel giugno del 1975, quando l’affermato scrittore newyorkese Harry Quebert si trasferisce nella cittadina di Sommerdale, nel Maine, per trovare l’ispirazione per il suo nuovo libro. Un giorno vede una ragazza ballare spensierata sulla spiaggia sotto la pioggia e ne rimane subito affascinato. Da quello che inizialmente sembra un incontro casuale nascerà una storia d’amore tra il trentatreenne Harry e la quindicenne Nola, tenuta segreta per paura della reazione della gente locale se si venisse a sapere della loro relazione. Pochi mesi dopo il loro incontro, Harry e Nola decidono di fuggire insieme, ma quella stessa notte – il 30 agosto 1975 – mentre Harry aspetta Nola in una stanza d’albergo, la ragazza viene vista scappare nella foresta inseguita da un uomo. Inizia così la ricerca della verità su cosa accadde la notte in cui la testimone occulare fu uccisa e Nola Kellergan sparì nel nulla.

L’attenzione si sposta nel presente, corre l’anno 2006 e Marcus Goldman è all’apice del successo. Grazie al suo primo romanzo e al suo naturale fascino è diventato ricco, famoso e conduce una vita agiata a New York, ma a causa dell’ansia da aspettativa e dell’imminente scadenza non riesce più a scrivere. Per superare il suo blocco dello scrittore, rientra in contatto con Harry Quebert, suo ex professore del college e mentore. Grazie ai flashback abbiamo un assaggio del passato di Marcus, che fin dai primi anni di scuola ha sempre aspirato ad eccellere nel modo più facile possibile: ovvero scegliendo un campo dove era sicuro di non avere avversari validi con cui competere. Un po’ il tipo da ti piace vincere facile che adora stare al centro dell’attenzione, ma che teme di essere smascherato come un impostore. In parole povere…

Una volta giunto a Goose Cove, l’enorme villa sull’oceano di Harry, cominciamo a scoprire il profondo rapporto e l’amicizia che da anni lega Quebert al suo allievo. Per Harry, Marcus è il figlio che non ha mai avuto, mentre per Marcus Harry rappresenta non solo un mentore, ma è anche il suo mito. Questo si nota anche dalla dedizione di Marcus nel difendere a tutti i costi Harry quando viene accusato di omicidio. Pochi mesi dopo la sua visita, infatti, nel giardino di Goose Cove viene rinvenuto da dei giardinieri lo scheletro di Nola Kellergan, seppelita trent’anni prima insieme al manoscritto originale dell’opera che Harry scrisse nell’estate del ’75, Le origini del male. Harry viene subito sospettato e arrestato per l’omicidio di Nola e di Deborah Cooper, ed è lì che inizia la caduta di Harry che da scrittore amatissimo diventa “l’uomo orribile che aveva una storia con una minorenne”. L’unico che crede in Harry è proprio Marcus, che non ci pensa due volte ad aiutare l’amico bruciando le foto di Harry e Nola senza nemmeno avere la certezza che Harry sia innocente.

Da questo pilot si denota una miniserie ben fatta e fedele alla storia originale, misteriosa al punto giusto da lasciare quel desiderio di scoprire cosa accadde in quell’estate del ’75 tra Harry e Nola, e come questo si ripercuote sugli eventi del presente… se solo gli episodi uscissero con regolarità, mannaggia a loro!

Chi mi conosce già dalle recensioni di Suits, sa che mi piace trovare una perla di saggezza in ogni puntata. Per queste recensioni, invece, mi concentrerò sui migliori consigli di vita del nostro caro Harry.

Scrivi quello che ti interessa. Meglio ancora, non scrivere. Vivi. Non fare del tuo lavoro la tua vita. O finirai come me. – Harry Quebert

Fateci sapere cosa ne pensate di questa serie e se vi è piaciuta la prima puntata!

Ellie

About Suits Episodes

Suits Episodes nasce come gruppo di traduzione indipendente delle puntate di Suits e di tutto ciò che riguarda questo show. E' amministrato con amore e passione da Elisa e Giò.

Check Also

Charmed – Recensione 1×17 – Surrender

Finalmente le cose si stanno facendo sempre più interessanti nel reboot di Charmerd. Pur restando …

2 comments

  1. sono d’accordo con la recensione,ma ora viene il problema”come trovare i subs?”per ora sono alla prima puntata e va tutto ok,ma dopo?tutto quello che sta succedendo nei siti dei subs mi ha lasciato basita…ho anch’io il libro,ma volevo leggermelo dopo aver visto la serie……difficilissimo trovare il video,la 2 ce l’ho nel mio forziere,ma anche i sottotitoli inglesi non li trovo e deve essere così perchè la prima traduzione è stata fatta con l’audio..inomma non so che fare,spero nella “manzoniana provvidenza” …ancora grazie x la recensione…ora mi vado a vedere la 2 …. senza niente sotto…la prima scena con lo scrittore sulla spiaggia e la pioggia….amazing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *