Threehouse of Serial Crush – Top 5 “La paura fa Novanta”

treehouse_of_horror

Da quando ho iniziato a scrivere di serie animate su Serial Crush ho avuto un chiodo fisso, ovvero parlare dei Simpson. Avrei potuto farlo prima, magari recensendo qualche stagione, parlando del primo episodio, o buttare giù in ogni caso un articolo d’approfondimento, ma ho preferito aspettare la fine di ottobre, per ovvie ragioni! Sì, parlerò dei Threehouse of Horror, nello specifico parlerò dei miei 5 segmenti preferiti, sperando di riuscire a beccarne almeno uno vostro.
Di solito a questo punto metto in riga due frasi per spiegare di cosa sto parlando, ma c’è davvero bisogno che io parli de The Simpsons? Volete farmi davvero scrivere che è una sit-com animata americana ideata da Matt Groening, andata in onda per la prima volta il 17 dicembre del 1989. Magari vorreste pure qualche riga sui personaggi, il doppiaggio, i disegni… siete forse di Rigel VII? Mah!

Il mostro e io
La Paura fa novanta VII
(The Thing and I – Threehouse of Horror VII )

simpsons-thing-and-iPartiamo dal basso e quindi dalla posizione numero cinque! In questo segmento viene presentato forse uno dei personaggi più belli dell’universo Simpson, ovvero Hugo, il gemello malvagio di Bart, tenuto nascosto a tutta la famiglia in soffitta e costretto a vivere come un reietto per la sua natura diabolica e fuori dall’ordinario.
L’episodio si conclude con uno scambio di ruoli tra Hugo e Bart, con quest’ultimo relegato in soffitta e considerato il vero gemello malvagio.
È netta la correlazione tra questo segmento è il film horror del 1982 Basket Case, anche se lì il gemello è rinchiuso in una cesta di vimini, da qui il nome del film.


Incubo a Evergreen Terrace
La Paura fa Novanta VI
(A Nightmare on Evergreen Terrace – Threehouse of Horror VI)

In quarta posizione invece ci piazzo Incubo a Evergreen Terrace, anche se devo ammettere di essermi trovato innanzi a un dilemma esistenziale. nightmareevergreenterraceNightmare on Elm Street è forse uno dei miei film horror preferiti, anche perché mi ha terrorizzato fino alla fine delle superiori (ok, mi terrorizza anche adesso), ma purtroppo ci sono così tanti segmenti validi che ho dovuto fare una scelta quasi obbligata.
Il segmento vede protagonista Willy nei panni di Freddie Krueger. Forse è uno degli accostamenti più azzeccati nella storia della serie. Il giardiniere si presta in modo terrificante al ruolo di incubo vivente, tanto che dopo l’episodio sorge il dubbio sul quale sia il vero Willy. Indubbiamente uno dei segmenti migliori di sempre.

Mosca contro mosca
La Paura fa Novanta VIII
(Fly vs Fly – Threehouse of Horror VIII)

simpsons_09_07_p5Siamo dunque giunti al podio, partendo ovviamente dalla medaglia di bronzo di questa mia personale classifica che se l’aggiudica a mani basse Mosca contro mosca, il segmento che vede Bart trasformarsi in una insignificante mosca a causa di un incidente nella macchina del teletrasporto.
La trama è molto semplice: Bart, nel tentativo di utilizzare impropriamente la macchina del teletrasporto, non si accorge che nella struttura d’arrivo vi è una mosca, i due vengono mescolati in una assurda giostra di DNA che genera due creature rivoltati, ovvero una mosca con la testa di Bart e un Bart con la testa di mosca!
Il riferimento al film cult La Mosca del 1986 potrebbe sembrare più che evidente, ma il film al quale si ispira questo segmento è più probabilmente L’esperimento del dottor K, pellicola del 1958, tratta dallo stesso libro da cui è tratto il film di Cronenberg dell’ottantasei.

È la grande zucca, Milhouse
La paura fa Novanta XIX
(It’s the Grand Pumpkin, Milhouse – Threehouse of Horror XIX)

Al secondo posto troviamo invece È la grande zucca, Milhouse.grand-pumpkin-milhouse
Magari nessuno se n’è accorto, ma questo è il primo segmento citato da me relativamente recente, vorrei spiegarvi brevemente perché. Ogni fan della serie ha un suo limite di sopportazione, ognuno di noi infatti ha una linea immaginaria che delimita la straordinarietà della serie animata creata da Groneing a un numero limitato di stagioni, per esempio, per quanto mi riguarda, dopo la tredicesima stagione c’è solo buio e lande aride di nulla insensato. Nei commenti mi piacerebbe tanto sapere qual è la vostra, ma andiamo avanti.
Sono un grande fan dei Peanuts, e sto parlando delle strisce vere, non quelle che girano su internet che sono spesso delle mere imitazioni, questo segmento richiama proprio le ambientazioni create da Shulz e non potevo dunque non aggiungere questa gemma luminosa incastonata in quel tetro disastro che è la diciottesima stagione.

The Shinning
La paura fa Novanta V
(The Shinning – Threehouse of Horror V)

shinningAnd the oscar goes to… scontato come la pioggia di sabato, alla prima posizione troviamo The Shinning, la sublime parodia del capolavoro di King (per non dimenticare quella perla che è la pellicola di Kubrick).
Giuro, ho provato a trovare un’alternativa a metterla magari come bonus, come +1 diciamo, ma non ci sono proprio riuscito. Facendomi un giro sull’internet ho anche notato che è praticamente la preferita di tutti, ma non potrebbe essere altrimenti.
Questo segmento è squisitamente perfetto, non solo nel rappresentare una delle storie più raccapriccianti della letteratura contemporanea, ma anche per il modo in cui mette a nudo la personalità di Homer. Un segmento che volente o nolente cambierà per sempre le vostre considerazioni su uno dei personaggi più amati della serie.

Ho sempre guardato La paura fa Novanta in modo spensierato e soprattutto da amante dell’horror, ma con il passare degli anni, e soprattutto con l’avvento delle pippe mentali da studente di materie umanistiche, mi sono reso sempre più conto che ogni segmento esasperava al massimo le già esagerate personalità dei personaggi della serie, evidenziando risvolti terrificanti dell’animo umano. Sì, sembra un concetto facile e scontato, ma è un aspetto che soprattutto in The Shinning e Nightmare on Evergreen Terrace ha cambiato completamente il modo in cui percepisco i due personaggi protagonisti delle vicende narrate nei segmenti, guai quindi a dire che The Simpsons non ha alcuna continuity.

Vi ricordiamo che avete tempo fino al 26 novembre per votare Serial Crush come miglior sito televisivo ai Macchianera Italian Awards: qui le istruzioni per farlo.

Renephian

Renato, 22 anni (non è vero, tra un po' sarò ventiduenne ma mi scoccio di cambiare tra pochi giorni). Non sì può definire il più grande appassionato di serie TV di tutti i tempi, anche perché il suo amore per loro non è sbocciato poi tanto presto. La sua carriera telefilmistica è iniziata con Friends, forse IL telefilm, ed è proseguita con teen drama su teen drama, uno su tutti The O.C.. Nell'ultimo periodo il suo amore per le serie TV è cresciuto anche grazie all'avvento dei TV Comics che hanno praticamente invaso i network americani. Patito di quasi tutti i fumetti marvel e DC (anche e soprattutto di Acquaman, non date ascolto agli sceneggiatori di TBBT), è anche un assiduo giocatore di giochi di ruolo, infatti il suo sport preferito è provarli e accantonarli in un tempo pari a quello che Flash impiega per girare l'intero pianeta, però magari un giorno riuscirà a provarli tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *