Younger – La confessione di Liza è un trampolino di lancio per la quarta stagione

Il suo segreto sarà una parte della sua vita, ma non contraddistingue lo show per sempre“, ha detto il creatore Darren Star all’Hollywood Reporter riguardo Liza, l’adorabile bugiarda interpretata da Sutton Foster.

[Attenzione: Questo articolo contiene spoiler del finale della terza stagione di Younger, “A Book Fair to Remember / Get Real.”]

Liza ha finalmente rivelato il suo segreto ad un’altra persona importante della sua vita, lasciando in sospeso il momento che gli spettatori di Younger stanno aspettando dal cliffhanger del finale.

Il doppio episodio conclusivo della terza stagione della serie di Darren Star in onda su TV Land ha rappresentato un gigantesco giro sulle montagne russe. Liza (Sutton Foster) ha rovinato la sua proposta di matrimonio quando Josh (Nico Tortorella) l’ha beccata a baciare il suo capo Charles (Peter Hermann). Dopo aver passato una stagione a mettere in discussione il loro futuro, Liza capisce di amare Josh, nonostante la loro differenza d’età, e lo prega di perdonarla. Ma Josh, col cuore spezzato, risponde alle commoventi scuse di Liza con parole pungenti: “Sei una bugiarda ed una traditrice, e che tu te ne renda conto oppure no, le tue bugie stanno ferendo tutti quelli che ti stanno intorno.”

Il rifiuto di Josh porta Liza a compiere una profonda autoriflessione, spronandola a confessare finalmente a Kelsey (Hilary Duff) tutto sulla sua doppia vita. Dal momento che Liza ha confessato di avere 40 anni, non 26, e di avere una figlia, gli spettatori dovranno aspettare fino alla prossima stagione per scoprire se Liza ha appena perso un’altra persona importante nella sua vita a causa delle sue bugie.

Il segreto di Liza sarà una parte della sua vita, ma non contraddistingue lo show per sempre“, ha detto il creatore Darren Star all’Hollywood Reporter riguardo il cambiamento che il finale ha segnato per la serie, che è stata rinnovata per una quarta stagione a giugno. “Dirlo a Kelsey è l’unica cosa che può fare per redimersi“.

Star ha parlato del suo piano per Younger, man mano che il segreto di Liza viene sempre più allo scoperto. Ha anche detto che la storia d’amore tra Liza e Josh non è finita e immagina come il set newyorkese dello show rifletterà il clima post-elezioni quando tornerà nel 2017.

Younger è iniziato con Liza costretta a mantenere questo enorme segreto. Adesso, dopo tre stagioni, ha fatto una grande confessione e Kelsey si unisce ai personaggi che ne sono a conoscenza. Che impatto avrà il finale sulla longevità dello show?
Sin dall’inizio, ho sempre pensato a Younger come ad una storia d’amore inter-generazionale e parte di ciò sta nel costruire un cast di personaggi che vorrai seguire a tutti i costi. Non so in che misura fosse necessario un piano specifico sul numero di stagioni che avrebbero condotto a quel punto, e potrebbero ancora esserci persone con le quali manterrà il suo segreto a lungo e per svariate ragioni. È parte dello show, ma è molto di più di una donna che mente sulla sua età. Siamo andati oltre e adesso stiamo esplorando questo gruppo di personaggi davvero meravigliosi, cosa significhi invecchiare e cosa siano le discriminazioni riguardo l’età. E tante altre cose.

Quante altre stagioni pensi che avrà Younger?
Sono stagioni brevi, quindi penso che lo show possa continuare ancora per un bel po’. Sono stagioni da 12 episodi. Penso che alla fin fine sia dovuto alla presenza di personaggi in cui la gente crede e tiene a loro, perciò è davvero finché tutti vogliono farlo e il network ne è felice. Non ho un numero preciso in mente.

In che modo il finale di stagione getterà Younger in una nuova fase?
Apre nuove possibilità. Anche alla fine della stagione, non sappiamo esattamente cosa abbia detto Liza a Kelsey e non sappiamo come reagirà quest’ultima, ma credo davvero che sarà un trampolino di lancio per altre storie.

Come ha detto Josh nel finale: Liza è una traditrice e una bugiarda. Dove si posiziona Liza sulla scala di “gradimento” e adesso la vedremo punita per le sue azioni?
Una piccola bugia può sempre diventare una grande menzogna. Si è cacciata in una situazione complessa a causa dei legami affettivi che ha instaurato con le persone alle quali sta mentendo e non è qualcosa che aveva previsto. Più a lungo la bugia continua, più conseguenze ci sono, più difficile diventa uscirne.

Prima di rovinare le cose con entrambi, questa stagione è stata incentrata sul triangolo amoroso tra Liza, Josh e Charles. Si è definitivamente chiusa la porta di queste due relazioni?
Non direi. Direi che ci sono ulteriori complicazioni e più ostacoli.

C’è ancora speranza per Liza e Josh?
I loro personaggi hanno un legame incredibile e gli attori hanno una chimica fantastica. Senza volere, lei l’ha sicuramente ferito in modo terribile. Quindi credo che la domanda ora sia, come proseguirà la relazione? Questo è quello a cui penseremo per la prossima stagione.

Liza potrebbe sopportare di perdere sia Josh che Kelsey in un colpo solo?
Giusto. È abbastanza dura per Kelsey ed è anche un passo importante per Liza quello di essere sincera con lei. In un certo senso, era la sua occasione per redimersi. Ma come lo elaborerà Kelsey è un’altra storia.

La quarta stagione sarà quella del riscatto per Liza?
Cerchiamo sempre di tenere d’occhio il motivo per cui Liza sta mentendo e l’aspetto professionale è importante per lei, quindi giocherà sempre un ruolo importante nello show in termini di: Che ruolo ha il suo lavoro in tutto questo? E la sua carriera e quello che desidera, e quanto è importante avere quel tipo di carriera per lei. Si sta destreggiando tra molte cose, ma si riduce tutto a concentrarsi sul perché abbia fatto tutto questo sin dall’inizio e quindi cercare di proteggere i rapporti che ha. Non vuole perdere le relazioni che ha instaurato.

“Millennial” vi ha dato la libertà di inserire più storyline basate sulla realtà. Younger non è una serie tv a tema politico, ma avete pensato alla possibilità di affrontare l’attuale clima post-elezione?
Sicuramente sto ancora metabolizzando il tutto, perciò non so come potrebbe farsi strada tra le storyline. Quando fai uno show in cui cerchi di riflettere il mondo reale, non vuoi vivere in assoluto isolamento ed è certamente qualcosa che accadrà. Quale sarà l’impatto e come rifletterlo è, credo, un grosso punto interrogativo ora come ora. Non penso che lo show diventerà mai a tema politico. Non è quel tipo di show, nonostante possa prendere in giro molti argomenti diversi. Abbiamo fatto un episodio su un uomo femminista e abbiamo davvero ridicolizzato quel personaggio che stava scrivendo un libro che gli uomini femministi prenderebbero in giro, si trattava di un uomo che aveva una tale empatia nei confronti delle donne da voler essere addirittura allattato al seno. Finché c’è un gran senso dell’umorismo, possiamo fare tutto ciò che vogliamo.

Sex and the City [creata da Star] è andato in onda nell’inverno dopo l’11 settembre. Non era uno show a tema politico, ma riguardava la città di New York e trovò alcuni modi per dedicarsi a ciò che chiunque stava provando all’epoca. Quel modello potrebbe funzionare anche per Younger?
Credo che Trump sia una malattia per la nostra nazione e per New York, quindi il modo in cui lo rifletteremo nello show è un bel quesito, perché stiamo facendo uno show ambientato a New York. Speriamo di riuscire a far entrare nella serie una realtà riconoscibile. Ma si tratterà più di ciò che i personaggi proveranno circa le loro vite, piuttosto che un fatto apertamente politico.

Dal momento che usciamo da un ciclo di elezione che avrebbe dovuto consolidare quest’anno come l’anno delle donne, quant’è importante adesso raccontare delle storie che diano potere alle donne?
Credo che adesso sia più importante, in un certo senso. Ora abbiamo un’opportunità perché qualsiasi personaggio politico o pubblico scrive un libro. Perciò, per quanto mi riguarda, per noi sono tutti possibili soggetti per delle storyline. Abbiamo sicuramente tanto materiale lì fuori, ora più che mai.

Fonte

felicity

Vivo la mia vita come se fosse una commedia musicale e ho sempre desiderato un alter ego versione cartoon, tipo Lizzie McGuire. Di giorno vesto i panni di una dolce insegnante alla Jessica Day, ma chi mi conosce bene sa che sono più un incrocio tra Lorelai Gilmore e Max Black.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *