Younger

Younger – Primo sguardo al ritorno in TV di Sutton Foster

Younger

L’annuncio di questa nuova serie mesi fa mi fece saltare sulla sedia! Troppo contenta che Sutton Foster sarebbe tornata in TV dopo Bunheads! La voglia, e l’impossibilità, di noi fan che viviamo oltreoceano di vedere le nostre star preferite che si esibiscono a Broadway viene un attimino placata quando tali star appaiono in TV. Certo, di sicuro qui Sutton non canterà e non ballerà come fa a teatro, ma meglio di niente. Al massimo pescheremo qualche video su youtube, se proprio vogliamo sentirla cantare…
Ma bando alle ciance e ritorniamo a Younger! Se da una parte c’è gente, come la sottoscritta, che venera Sutton, dall’altra c’è gente che non sa nemmeno chi sia e che invece è fan della sua co-protagonista Hilary Duff! Per carità, di sicuro la presenza della Duff e soprattutto di Nico Tortorella sono mirate ad attirare il pubblico delle teenager, ma è anche normale. Per fortuna ora conosceranno davvero la Foster!

Younger, che va in onda su TV Land, è senza dubbio una serie tanto attesa, ciononostante ha subìto vari posticipi per poi arrivare ad una data fissa: 31 marzo 2015. Qualche giorno fa, però, come capita per tante serie, è stato rilasciato il pilot. E che pilot, signori miei!
Da subito vediamo Liza, una donna quarantenne, alle prese con i colloqui di lavoro. Ho visto questa scena un po’ come quando Alicia Florrick di The Good Wife, dopo 15 anni di assenza dall’avvocatura, inizia ad andare in giro alla ricerca di uno studio legale che la possa accogliere a braccia aperte. Anche qui Liza ha preso una lunga pausa dal lavoro per prendersi cura della figlia, e anche lei, come Alicia, sta affrontando una separazione, e anche il marito di Liza le è stato infedele con una più giovane di lei. Non so se questo parallelismo sia un caso… fatto sta che mi ha fatto molto piacere ritrovare in una comedy tratti di una grande serie quale è The Good Wife! Liza però non fa l’avvocato… è una editor e sta perdendo la casa perché non riesce più a mantenersela. La figlia sta studiando in India e lei si sente vecchia in un mondo dove ormai i capi delle aziende sono delle ragazze ventenni che non fanno altro che parlare di social network!


La svolta arriva quando incontra in un bar un tatuatore, Josh (Nico Tortorella), che la scambia subito per una delle sua età – o giù di lì. Beh, inutile dirvi che per me ‘sti due hanno già una chimica pazzesca! So’ belli proprio! Sì, è scontato che finiranno insieme, ci sono pure tantissime foto sulla pagina instagram della serie e non solo, ma sarà bello vedere come si evolverà la storia nel momento in cui – e se – Josh saprà che in realtà Liza ha quanto meno 15 anni in più di lui. Da quell’incontro in poi – dato che il ragazzo ha fissato un appuntamento con lei – Liza sarà aiutata dall’inseparabile amica Maggie (Debi Mazar) a rinnovare il suo look per sembrare una 26enne. In questo modo ottiene anche un lavoro come assistente di Diana Trout (Miriam Shor) e conosce Kelsey Peters (Hilary Duff).
La serie è tratta dall’omonimo romanzo della scrittrice Pamela Redmond Satran, pubblicato nel 2005, ed è prodotta da Darren Star, produttore di Sex and the City.
Sarà bello vedere in che modo Liza interagirà con la collega Kelsey, che a prima vista sembrerebbe una che sa il fatto suo, ma poi si mostra molto servile con il suo uomo davanti a Liza, cosa che le fa storcere un po’ il naso. Di sicuro la nostra protagonista si farà ben volere da tutti e nessuno farà più caso se ha 26 anni o se ne ha 40… Ed inoltre, come gli altri avranno sicuramente tanto da imparare da lei, anche lei avrà tanto da imparare dagli altri.

Essendo una comedy, naturalmente non mancano le risate, e se conoscete un minimo Sutton, sapete che lei è già uno spasso di suo, se poi le fanno fare certe battute – del tipo “Chi è Lena Dunham?” che ho adorato!!! -, o la mettono in certe situazioni imbarazzanti, il gioco è fatto! Quindi direi che, già dal pilot, Younger è promosso a pieni voti! Inoltre, come si è già ben notato dalle foto promozionali, in questa serie c’è una particolare cura nell’abbigliamento. La costume designer è Patricia Field, che ha già lavorato con Star in Sex and the City, quindi è sinonimo di qualità.

La serie ha 12 episodi di 20/22 minuti ciascuno.
La cosa interessante di Younger è la presenza sia di tematiche giovanili (vedi social network e cose del genere), che tematiche adatte anche ad un pubblico più adulto, come per esempio la voglia di una donna di reinventarsi e avere il coraggio di affrontare un mondo in continuo cambiamento. Forse all’inizio a Liza toccherà scendere un po’ a compromessi, ma sono sicura che la sua personalità vera verrà fuori presto e che non si farà mettere i piedi in testa da nessuno! Ad un primo sguardo, inoltre, anche gli altri personaggi sembrano essere ben costruiti, perciò non sarà di certo uno show concentrato solo ed esclusivamente sulla protagonista, anche perché, per esempio, se non ci fosse stata la sua migliore amica Maggie, forse Liza non avrebbe avuto il coraggio di rimettersi in gioco, sia sul lavoro che in amore.

Tirando le somme finali di questo pilot, direi che si merita un bell’8!

Claire

Superfan di Rizzoli&Isles, ha visto talmente tanti crime e procedural che vorrebbe diventare un cop americano o addirittura entrare nella FringeDivision. Sin da piccola ha nutrito la passione per i libri di Patricia Cornwell ed è molto incuriosita dalla medicina legale. Da un paio d’anni a questa parte, ha quadruplicato le serie da seguire ed è soprattutto diventata una EvilRegal accanita, grazie al fantastico Once Upon a Time e alla splendida Lana Parrilla!
Sogna di vivere a Los Angeles per respirare appieno l’aria telefilmica, anche se negli ultimi anni Vancouver sta rubando la scena alla famosa località californiana. Se non fosse che fa troppo freddo, non sarebbe male vivere lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *