Alicia Florrick (The Good Wife) – Donne Seriali

0
33
Alicia Florrick
Alicia Florrick è donna, madre, avvocato e buona moglie.

Alicia Florrick è fra i personaggi femminili che amo di più nel panorama femminile. Quello che colpisce di più in lei è la sua capacità di ripartire anche a 40 anni, la sua ironia sotto traccia, il suo essere pienamente donna con i suoi pregi e difetti, il suo orgoglio ferito tante volte, la sua voglia di riscatto.

Alicia Florrick.

Se il mondo ti crollasse in un istante, se tutte le certezze a cui ti appigliavi, svanissero d’improvviso dopo anni di serena e tranquilla vita casalinga alle spalle di un uomo potente, voi cosa fareste?

Questa è la drammatica situazione nella quale facciamo la conoscenza con Alicia Florrick. Da qui cominciamo a capire chi abbiamo di fronte e cioè una donna che ha per anni messo da parte i sogni adolescenziali, gli obiettivi post universitari, per dedicarsi all’uomo che ama.

Le donne lo sanno…

Quante donne per amore rinunciano? Quante si ritrovano con una laurea, magari anche un master e si trovano a sacrificare tutto per amore?

Lo ammetto è più difficile che accada il contrario, ma se si ama, le rinunce più pesanti anche in una società più equilibrata come la nostra, le fanno ancora le donne.

Alicia è rassegnata ad un ruolo di madre, moglie e casalinga, ma è una donna che ha studiato, è laureata in legge, sa il fatto suo.

Quando la vita per uno strano gioco del destino la costringe a portare sulle spalle il peso anche economico della famiglia, per mantenere lo stesso tenore di vita, mantenere i figli alle migliori scuole, Alicia deve rimettersi in discussione.

Il rapporto con gli altri.

Da qui si innestano una serie di meccaniche narrative che miscelano sapientemente la vita professionale di Alicia a quella prettamente privata, a volte mixandole e a volte distanziandole, ma tutto alla fine si lega al modo con cui lei si confronta con il mondo.

Alicia, Kalinda e Diane. tre figure di donne a modo loro uniche ed indipendenti, unite da quella solidarietà che è tutta femminile e che noi uomini facciamo fatica a comprendere a fondo.

Un carattere forte, ma che il tempo ha forgiato anche per stare dietro le quinte, non ama il palcoscenico che lascia ad altri personaggi più estrosi, lei lavora più sulle persone, le scruta, le analizza con cura, ma non si espone.

Questo è un suo punto di forza perché riesce alla fine a essere migliore di colleghi più esperti e titolati che gli sventolano davanti sequele di casi giudiziari di successo.

Non per nulla nello studio oltre a Will Gardner, di cui parleremo fra poco, Alicia Florrick si trova bene con Diane Lockhart e con Kalinda Sharma personaggio enigmatico, ma che Alicia riconosce subito come potente e carismatico e abbastanza simile a lei.

Grande amore e grande rimpianto.

Alicia Florrick a volte sembra vittima del destino e a volte vittima delle sue stesse scelte. Anche in amore finisce con lo scegliere Peter Florrick anche se il suo vero amore ai tempi dell’università era stato Will Gardner.

Will Gardner è forse il più grande rimpianto di Alicia anche alla luce degli sviluppi che avrà in seguito. Tutto sembra come ripartire.

Non solo il suo ritorno all’avvocatura, ma guarda caso, anche un ritorno di fiamma, una sorta di beffardo restart dagli esiti incerti.

Infatti Will Gardner è uno dei soci anziani dello studio e fa un po’ parte di quelle strane a volte scelte di Alicia. Quello che infatti salta all’occhio, seguendo la serie è proprio l’aspetto degli eventi e di come la protagonista non sia in grado di dominarli completamente.

Alicia Florrick appare sempre come una donna capace di anteporre tutto per la famiglia, a volte persino facendo cose odiose, come il continuare stare con Peter a danno di amicizie come quella con Diane Lockhart.

Alicia Florrick
Will Gardner e Alicia. L’amore per lei non ha mai portato cose buone per la totale assenza di egoismo, che la obbliga a frapporre il bene altrui a quello proprio, finendo per fare scelte a volte discutibili.

Sicuramente Will Gardner alla fine sarà, non solo per lei, ma per molti dei protagonisti, una perdita colossale, un cardine fondamentale che la obbligherà ancora una volta a ripartire.

Alicia, donna indipendente?

Il punto interrogativo è d’obbligo. I King hanno strutturato The Good Wife con un arco narrativo già definito di sette stagioni.

Alicia Florrick è il perno fondante di tutto e la sua personalità è parte integrante della storia stessa che si sviluppa nel corso delle stagioni.

Possiamo dire che è una corsa verso la libertà, l’indipendenza, l’affermazione nel lavoro come nei sentimenti da parte di Alicia? Certo, ma è un obiettivo che non riuscirà a raggiungere, pur impegnandosi al massimo.

Non perché sia poco coraggiosa o non abbia carattere, ma perché la vita stessa ti è nemica e nel corso delle stagioni alcuni fatti rendono inutili il carattere e la forza e risolllevarsi non sempre è facile anche per una Alicia.

Conclusioni.

Alicia Florrick resta nel mio immaginario come uno dei migliori personaggi in assoluto sia maschili che femminili. Ho amato “The Good Wife” anche per lei e dobbiamo dire grazie a Julianna Margulies, per essere riuscita a dare volto e voce ad Alicia.

Se dovessimo dargli una stella del destino stile Ken il guerriero, allora direi senz’altro la stella del sacrificio. Alicia è pronta a tutto per proteggere i suoi figli, pronta a tutto per proteggere il suo amore, pronta a rinunciare alla sua stessa felicità.

Purtroppo per lei questo suo essere protettiva e pronta al sacrificio, applicato alla vita reale ha un effetto devastante sulle sue relazioni.

A volte non sono riuscito fino in fondo a comprendere certe scelte, specie nell’ultima stagione, ma riconosco che sono scelte da Alicia Florrick, per quanto opinabili.

Alicia Florrick
Mantenere il buon nome, l’integrità, il bene dei figli, la carriera politica. Alicia è tante donne, tante storie, ma alla fine il cerchio si chiude.

Le poche volte in cui ha anteposto se stessa al bene degli altri, i risultati sono stati disastrosi.

Io me la immagino ancora ferma nel corridoio, lo stesso da cui tutto era partito e dove tutto è finito, a riflettere su come si possa passare anni a tentare di essere felici, realizzate e amate, avere tutto questo a portata di mano e vederselo puntualmente sfuggire per poi dover ricominciare da capo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here