Mr. Robot – La quarta stagione sarà l’ultima

0
2

Mr. Robot si prepara a dirci addio per davvero.

EW ha confermato che la serie nominata agli Emmy si concluderà nel 2019 con la quarta ed ultima stagione. La buona notizia è che il numero degli episodi è stato esteso da otto a dodici, secondo Hollywood Reporter che per primo ha affermato la conclusione della serie drammatica.

Il creatore della serie Sam Esmail ha dichiarato a THR:

“Quando per primo ho creato il mondo di Mr. Robot, ho pensato che sarebbe stata una serie televisiva di nicchia con una piccola cerchia di seguaci. Negli ultimi tre anni è diventata molto di più, e sono continuamente onorato dal riconoscimento delle show e dallo straordinario cast e dalla troupe che lavorano instancabilmente per contribuire a dare vita alla mia visione. Fin dal primo giorno, ho cercato di giungere a una conclusione – e nel rompere la prossima stagione di Mr. Robot – ho deciso che la conclusione era finalmente arrivata. Tutti i membri del team creativo, incluse le straordinarie persone di USA e UCP, non volevano dire addio, ma in fin dei conti abbiamo tanto rispetto per il viaggio di Elliot da superare il suo inevitabile finale. Pertanto, la quarta stagione servirà come capitolo finale della storia di Mr. Robot. Ai fan dello show: grazie per gli ultimi tre anni e non vedo l’ora di condividere questa emozionante stagione finale con voi”. 

La serie di Esmail su Elliot Anderson, un hacker paranoico, depresso e geniale, e il suo alter ego anarchico, ha dato prestigio a USA Network, la rete precedentemente nota per la programmazione dei loro cieli blu. La prima stagione ha ottenuto una nomination agli Emmy come miglior serie drammatica e una vittoria agli Emmy per la stella Rami Malek. Mentre la stagione del secondo anno non è stata accolta bene, ma la serie è tornata forte per la terza stagione che è stata definita un “capolavoro noir” dal critico Darren Franich della EW.

Mr. Robot, in cui recitano anche Christian Slater e Portia Doubleday, torna negli States nel 2019.

Fonte

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here