Self Made: Inspired by the Life of Madam C.J. Walker

0
7

Self Made: Inspired by the Life of Madam C.J. Walker è una miniserie di quattro episodi prodotta da Netflix. Purtroppo non possiamo gridare al capolavoro, ma è sicuramente un prodotto che permette a Octavia Spencer di brillare nel ruolo da protagonista. 

Self Made

Self Made è la storia di Sarah Breedlove. Una donna di colore nata proprio alla fine della schiavitù americana nel 1867, che diventa la prima donna imprenditrice, milionaria, americana. 

La vera Madam C.J.Walker era una filantropa, un’attivista politica e la fondatrice di una compagnia (ancora oggi in attività) che ha dato alle donne di colore l’indipendenza economica. Con una storia così importante da raccontare e un traguardo così difficile da raggiungere, quello che ci si aspetterebbe da questa miniserie è un racconto in pompa magna, con tutto il fascino di un period drama dell’età vittoriana. Invece tutta la narrazione sembra sottotono e più diventa benestante la nostra protagonista e meno troviamo la pomposità dell’epoca. Ed è un aspetto ancora più incredibile se pensiamo che la compagnia fondata da questa meravigliosa donna tratta di bellezza, e si occupava principalmente di esaltare i capelli delle donne di colore. Doveva esserci un senso di magnificenza degno del personaggio, invece sembra tutto frugale, come se lei fosse ancora prigioniera della piantagione in cui era nata. 

Anche molti dialoghi peccano in originalità. Il cattivo della storia è di una banalità incredibile e Octavia Spencer fa del suo meglio per aggiungere profondità ad un personaggio che per quattro episodi parla solo di speranza, duro lavoro ed eredità. 

Non mancano gli spunti di riflessione, anche se sono trattati solo superficialmente. Nella serie vediamo che il successo di Madam C.J. Walker non è tutto rosa e fiori: ci sono le accuse di plagio fatte dalla sua più agguerrita concorrente, i matrimoni falliti, le ripicche, i problemi con la figlia che non ha la stessa visione della vita della madre.

In maniera leggera vengono anche trattati argomenti come la differenza di colore tra i neri. Il rifiuto di Addie di lavorare con Sarah all’inizio è stato giustificato proprio per il colore della pelle troppo scuro di quest’ultima per essere considerata come un’ideale di bellezza, per una donna di colore. Nella miniserie trova un pochino di spazio anche l’associazione degli imprenditori di colore e di come stessero cercando di risollevarsi dalla loro condizione di schiavi attraverso l’imprenditoria. Tuttavia come ogni uomo del loro tempo, non vedevano di buon occhio l’imprenditoria femminile. 

In conclusione vale la pena dare un’opportunità a Self Made: Inspired by the Life of Madam C.J. Walker per vedere Octavia Spencer risplendere nel ruolo della protagonista. Per conoscere la storia di questa donna straordinaria che a dispetto di tutte le avversità è davvero riuscita a compiere il sogno americano. Peccato che Netflix non sia riuscito a renderle giustizia in questo adattamento della sua originale, e sicuramente unica, storia.

Self Made: Inspired by the Life of Madam C.J. Walker la trovate ora in streaming su Netflix.

Quali sono le vostre opinioni su questa nuova miniserie? L’avete già vista? Scriveteci qui sotto i vostri commenti! E vi aspettiamo nel nostro gruppo Innamorati delle serie tv per confrontarci sulle nostre serie preferite. Non dimenticate anche di seguire la nostra pagina facebook per tutti gli aggiornamenti sulle serie tv.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here