The Good Place – Recensione 1×08 – Most Improved Player

0
13

Dopo il cliffhanger della scorsa settimana, The Good Place si apre con un’immagine a noi familiare, il primo rassicurante fotogramma che abbiamo incontrato in questa serie.

tumblr_oft6ud10qe1vvi3bvo2_500
“Welcome, everything is fine!”, ma come sappiamo niente sembra andare per il verso giusto per Eleanor, autodenunciatasi lo scorso episodio.
Troviamo la nostra anti-eroina confrontarsi in un colloquio per la sua permanenza nel Good Place, per qualche minuto riusciamo quasi a sperare che nessun errore sia stato commesso a giudicare dalle domande poste da Michael.
Per avere diretto accesso al paradiso, infatti, bisogna ovviamente non aver compiuto gravi crimini, come ad esempio un omicidio, ma anche non avere targhe coatte o aver partecipato ad un concerto dei Red Hot Chili Peppers, insomma chi lo farebbe mai, giusto? #JUSTKIDDING
Insomma, sembra proprio che non ci sia ragione alcuna per cui Eleaonor venga spedita con un biglietto di sola andata nel Bad Place, con la nuova Janet impossibilitata a trovare la sua scheda a causa del suo strano feticcio per il cactus.
Ma, ovviamente, dopo otto episodi, possiamo pensare che tutto possa andare come speriamo?
La nuova Janet riesce a reperire il fascicolo di Eleanor e, sebbene non abbia riscaldato più volte il pesce o non si sia mai tolta i calzini in aereo, beh come potevamo ipotizzare non si tratta esattamente di una Goddess of Pawnee (citazioni improbabili, sorry!).
Infatti la nostra Eleanor dopo aver preso e rovinato un vestito alla sua coinquilina, ha scaricato la colpa sulla lavanderia. Una cosa potenzialmente da nulla, se non fosse per l’attività andata in fallimento e il meme virale della sua coinquilina chiamata “Dress Bitch” con tanto di t-shirt.
Niente avrebbe potuto salvare Eleanor, dopotutto i flashback antecedenti ci avevano mostrato quanto fosse piena di sé ed egoista durante la sua vita, ma nonostante ciò chi non aveva pensato che il cambiamento avvenuto in paradiso avrebbe potuto salvarla?tumblr_ofqjdwqnau1vvi3bvo2_r1_500
Personalmente, ci avevo sperato, ed anche Chidi in un momento strappalacrime tra i due, dove si è potuto percepire una grande dose di affetto tra di loro, nonostante l’inizio non fosse stato dei migliori. Per me è decisamente l’inizio di una bromance che un po’ mi ha strappato il cuore in mille pezzi.

Eppure il treno proveniente dal Bad Place sembra aver fatto comunque sosta in città, e a rappresentarlo c’è Trevor, interpretato da Adam Scott.

tumblr_ofs4pcd4wc1rj7i6uo4_500

Essendo Schur il creatore di The Good Place, ammetto che mi aspettavo qualche “carrambata”, magari un’Aubrey Plaza o perché no, un Nick Offerman (magari proprio come una sorta di Lucifero), tanto per citare, vedere Amy Poeheler sarebbe letteralmente un sogno.
Sono ossessionata da Parks and Recreation, come avrete potuto immaginare dalla prima recensione, ed è esattamente il motivo per cui ho cominciato questa serie, quindi potete tranquillamente immaginare il mio entusiasmo nel vedere Adam Scott interpretare un villain (dopo i sogni segreti di Walter Mitty ne avevamo un gran bisogno).
Dopo questo episodio, a mio parere The Good Place ha alzato il suo livello di un paio di spanne, sicuramente si lasciava guardare con piacere, ma la presenza del Bad Place ha reso il tutto più dinamico e divertente regalandogli qualche punto in più.
Inoltre la notizia dell’esistenza di un’altra Eleanor, relegata all’inferno, ci lascia con un ennesimo cliffhanger, ma anche con un’altra domanda, anche il vero Jianyu è relegato lì? Ma soprattutto, quale è stata la causa dell’errore di scambio tra lui e Jason?

Con questi quesiti vi lascio in attesa della prossima puntata e intanto vi invito a visitare le pagine The Good Place Italia e Kristen Bell Italia in più vi ricordo di continuare a votarci ai Macchianera Award (le istruzioni le trovate QUI)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here