Victoria – Recensione 2×04 – The Sins of the Father

0
12

Il quarto episodio di Victoria segue la linea del precedente, mantenendo dei toni cupi ma trasportandoci qualche mese più avanti. La puntata inizia infatti con la Regina in procinto di partorire. Un parto difficoltoso che mette a dura prova Victoria che alla fine da alla luce un bel maschietto. Ovviamente speravano tutti che nascesse il principe ereditario. Come era successo per la piccola Victoria anche in questo caso la Regina fatica a sentirsi legata al piccolo. Rivela così ad Albert di sentirsi a volte inadeguata come madre, ma anche come regina, definendosi una bambina che gioca a governare.

Il lieto evento della nascita è però ben presto oscurato dalla notizia della morte del padre dei principi Coburgo. Notevolmente scosso dalla notizia, Albert parte subito per Coburgo. Il clima in cui giunge è ovviamente teso, dopotutto, è li per il funerale di suo padre. Tuttavia devo ammettere che vedere Ernest è stato per me motivo di gioia. Dei due fratelli, lui è sicuramente quello meno colpito dal triste evento. Sembra anzi quasi sollevato dalle sorti del padre e non è difficile notare una nota di sdegno nella sua voce quando rivela ad Albert le cause della morte.

Ma il vero punto focale della puntata, quello che ammetto mi ha lasciato abbastanza sconvolta, è stato scoprire che il vero padre di Albert è lo zio Leopold. Quest’ultimo infatti aveva avuto una relazione con la madre di Albert. La reazione di Albert è più che giustificata, dal momento che non solo in poco tempo si vede tutte le sue certezze crollargli addosso, ma si rende conto di essere il figlio bastardo e di aver generato un figlio che è illegittimo al trono. Come è facile aspettarsi reagisce male e sente che la cosa migliore da fare è andarsene da lì e tornare da Victoria.

Dal canto suo, la Regina è in quella che possiamo comunemente chiamare depressione post-parto, enfatizzata sicuramente anche dalla perdita non ancora metabolizzata di Lord M e del cagnolino Dash. All’improvviso sembra non essere più in grado di prendere decisioni da sola e anche una visita ai feriti, che per una regina dovrebbe rientrare nella routine, si traduce in qualcosa di straziante che mette a dura prova l’animo già provato di Victoria.

A restituirle il sorriso e un po’ di serenità è un dolcissimo cucciolo di cane bianco, una soffice nuvoletta che conquista subito Victoria. Per Albert le cose invece sembrano più complicate, sebbene sia tornato tra le braccia della moglie, fatica a riprendere le redini della sua vita, sopratutto dopo la scoperta che tutto quello in cui credeva non era che un teatrino.

In mezzo a tutte le vicende che riguardano i piani alti di Buckingham Palace, si delineano anche quelle della servitù. La notizia che un ladruncolo si è infiltrato a Palazzo è su tutti i giornali e bisogna trovare il colpevole della fuga di notizie. Le accuse ricadono su Francatelli che di recente era tornato a dirigere la cucina. Tutta la situazione si conclude quando Miss Skerrett, un po’ per liberarsi di un peso un po’ per evitare che Francatelli venga accusato ingiustamente, rivela che a divulgare la notizia è stata sua cugina e lo ha fatto per poterne ricavare del denaro che la aiutasse a provvedere meglio alla figlioletta.

Miss Skerrett è ovviamente mortificata e accetta di essere ritenuta colpevole in quanto a divulgare la notizia è stata una sua parente. La donna deve essere licenziata perché, come fa notare Victoria, sebbene lei potrebbe anche perdonarla, sicuramente Albert non sarebbe dello stesso avviso. Accade però che Albert nuovamente stupisce, lasciando non solo che Miss Skerrett rimanga a palazzo ma facendole anche avere una stanza tutta per se. Secondo lui, infatti, Victoria ha assoluto bisogno di persone come lei accanto a se.

Questo è stato un episodio incentrato sulle emozioni, che una dopo l’altra si sono susseguite durante tutta la puntata, dandoci modo di capire che anche persone che a noi sembrano tanto distanti come i nobili possono provare dolore, rabbia, gioia, sollievo e molto altro ancora. Dolcissime le scene finali dove vediamo Albert suonare il pianoforte e Victoria cantare in tedesco, come volesse fare un omaggio alle origini del marito.

Sebbene solo agli inizi della seconda stagione, Victoria è una serie che non delude, grazie alla fotografia, ai costumi e alla caratterizzazione dei personaggi, se sei un appassionato della storia Inglese e accetti che il tutto sia un po romanzato è qualcosa che devi assolutamente vedere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here