VIP Watching – Charlie Hunnam

0
1355

tumblr_new44sZTTT1rejh21o1_1280
Charles Matthew Hunnam, classe 1980, per gli amici come me semplicemente Charlie, è uno degli attori più bononi – e sì, anche di talento – degli ultimi anni. A causa dell’alto tasso di testosterone presente nell’articolo, supportato da gif e video che lasciano ben poco all’immaginazione, invito chiunque soffra di cuore di chiudere la pagina… ripeto, chi soffre di cuore chiuda la pagina, perché il rischio di un infarto è veramente alto. Tutti gli altri, recuperino qualche ice bucket rimanente perché vi tornerà utile.

Biografia

Charlie-Hunnam-Talks-Fifty-Shades-of-Grey-Role-I-Can-Certainly-Do-It

Nato il 12 Aprile sempre del 1980, a Newcastle, Inghilterra, Charlie è il secondo di quattro fratelli – due dei quali solo da parte di madre. Ebbene sì, avete capito bene, Charlie Hunnam è inglese e, di sicuro, chi lo conosce principalmente per Sons of Anarchy non lo avrebbe mai potuto dire. Parlando dei suoi genitori, Charlie dice di aver preso un po’ da entrambi: la madre, pià ribelle ed anticonformista, gli ha insegnato ad essere un artista mentre il padre, uomo molto rispettato nella sua città, gli ha insegnato come affrontare i problemi della vita.
La sua infanzia è abbastanza travagliata: i suoi genitori si separano quando ha soli 2 anni e 10 anni dopo, si trasferisce con la madre a Cumbria. Questo ha un impatto abbastanza grande sulla sua vita ed infatti ne risente sia a livello sociale che in quello scolastico. Infatti, per sua stessa ammissione, sappiamo che Charlie è stato espulso dalle scuole superiori e per questo ha sostenuto gli esami finali da casa. Fu proprio a seguito di questo evento che prese la decisione di non iscriversi all’università ma di entrare in un community college (per intenderci, un’alternativa alle costosissime università americane, che permette di ricevere attestati, diploni o certificati) per studiare la storia e la teoria del cinema.
Della sua vita personale si sa ben poco, purtroppo, a quanto pare Charlie tiene particolarmente alla sua privacy ma alcune cose le sappiamo. Ai provini per Dawson’s Creek, ad esempio, Charlie ha conosciuto Katherine Towne e nel giro di un mese i due si sono sposati a Las Vegas, per divorziare 4 anni dopo, nel 2002. Hunnan ha dichiarato che ad aver avvicinato i due fu la disperazione per essere stati costretti a partecipare ad un provino del genere e, tra la mortificazione di essere andati alla ricerca di quel tipo di lavoro ed il sollievo di non essere stati presi, i due si sono innamorati e si sono sposati praticamente subito. Nel 2007 è impegnato con Morgana MaNeils, una disegnatrice di gioielli che, in base a come viene presa in foto, oscilla dal “carina” a “cesso del mondo”. Questo mi lascia sperare che anche noi comunissime mortali, prima o poi, potremmo trovare il nostro Charlie Hunnam personale. #Credici

Carriera

0403
0201

La carriera inizia quando, a 17 anni, venne scoperto da un menager locale nella vigilia di Natale mentre bighellonava in un negozio di scarpe e venne così scritturato per comparire in 3 episodi di Byker Grove. Nel frattempo, però, aveva iniziato a lavorare anche come modello ma vi rinunciò immediatamente, capendo praticamente subito che non era un lavoro adatto a lui.
Il suo vero e proprio trampolino di lancio arrivò qualche mese dopo, quando all’età di 18 anni venne preso per interpretare il quindicenne Nathan Maloney nel drama britannico Queer as Folk. Assumere questo ruolo fu una sfida a tutti gli effetti per Hunnan, considerato che quello di Nathan è stato il suo primo ruolo di un certo rilievo che prevedeva scene abbastanza forti – nonché di nudo.
Successivamente prese parte al film Che fine ha fatto Harold Smith per un ruolo marginale e, dopo essersi trasferito a Los Angeles, partecipò a qualche episodio di Young Americans che, per chiunque non lo sapesse, è il disastroso spin-off di Dawson’s Creek, e in Uncleared.
La svolta della sua carriera arrivò quando, nel 2002, venne preso per il ruolo di protagonista maschile nel film Nicholas Nickleby, tratto dall’omonimo libro di Charles Dickens. Il film diretto da Douglas McGrath ebbe un buon impatto sia sul pubblico che sulla critica e questo segnò un punto di svolta per Charlie che, fino ad allora, era sempre stato un po’ nell’ombra. Inoltre per la prima volta si ritrova ad affiancare attori di un certo livello come ad esempi Anne Hataway. L’anno successivo prese parte a Ritorno a Could Mountain.
Quando si tratta di scegliere i ruoli da interpretare, Hunnam è sempre abbastanza selettivo – lo dimostra la modesta filmografia – e di questo, tutto sommato, gliene siamo grati. Questo mondo non ha bisogno di un secondo Nicholas Cage.
Fu così che tornò di nuovo a Londra, dove prese parte al film Hooligans, che gli valse il 4° posto nella lista degli attori con il peggiore accento in un film.
Particolarmente degna di nota è l’interpretazione di Charlie nel film 3,2,1… Frankie Go Boom, affiancato dalla bellissima Lizzie Caplan e da Ron Perlman (il quale è stato proposto per il ruolo proprio dallo stesso Hunnam). In un’intervista a Collider, Charlie ha raccontato che inizialmente non era particolarmente convinto che quel ruolo fosse adatto a lui, lo vedeva più nelle corde di un attore comico, ma quando il regista gli spiegò che nella sua testa il protagonista non era un buffone ma più uno psicopatico con la mania di dominare su tutti, Charlie si è convinto ad accettare il ruolo… e per chi non avesse visto il film, GUARDATERLO… Senza ombra di dubbio è una delle interpretazioni più accattivanti dell’attore.

Sons of Anarchy

Se l’interpretazione di Charlie in Hooligans gli è valsa un non troppo ambito premio (dico sempre di guardare le cose in lingua originale anche per questo), allo stesso tempo è stato proprio grazie a questo ruolo che Kurt Sutter l’ha notato e conseguentemente voluto per interpretare Jackson “Jax” Teller nel suo meraviglioso Sons of Anarchy. La serie, che a grandissime linee segue i traffici ben poco legittimi di un club di motociclisti, ha spianato la strada dell’attore mettendo in luce le sue doti, sia attoriali che… beh, fisiche.
Prima di accettare il ruolo, erano 18 mesi che Charlie non prendeva in mano un copione, questo perché per un certo periodo della sua vita aveva preso in considerazione l’idea di dedicarsi al lavoro di sceneggiatore; nonostante questa sua piccola parentesi, dicevo, non appena si ritrovò tra le mani il copione del pilot, gli fu impossibile tirarsi indietro… e come dargli torto? Ora che la fine si avvicina inesorabile, l’attore dichiara che abbandonare il ruolo di Jax, che ha interpretato per ben 7 anni, sarà davvero difficile per lui e non nega che molto probabilmente passerà qualche mesi di depressione (nonostante l’idea di fare quello che vuole del resto della sua vita sia allettante). Infatti l’attore non ha mai nascosto di avere un’animo gitano e gli risultò difficile abituarsi all’idea di essere impegnato da una data ad un’altra per le riprese della serie con cadenza periodica. Ma questo è un problema che purtroppo riscontrano molti attori di cinema quando approdano per la prima volta nel mondo della televisione.

Guardate Sons of Anarchy: il bel culo di Charlie convince tutti!

Sceneggiatore
Come detto poco sopra, prima di intraprendere la sua avventura in sella ad una moto, Charlie si era preso una pausa di circa 18 mesi alla recitazione per dedicarsi alla scrittura. Ha scritto il copione per la storia di Vlad l’Impalatore, che ha venduto alla Summit Entertainment; il film è stato diretto dal fotografo e regista di video Anthony Madler e si concentra sulla vita reale di Vlad III, di cui Hunnam è venuto a conoscenza durante le riprese di Ritorno a Cold Mountain in Romania dai racconti di qualche autoctono. Finita la stesura del copione era talmente tanto al verde che, se non fosse riuscito a venderlo avrebbe dovuto vendere la casa e tornarsene in Inghilterra dalla madre.
Con Sons of Anarchy ormai alle battute finali *aggiungere disperazione a palate qui* Charlie spera di poter dirigere un film sulla cultura gitana in Inghilterra, che definisce come una società ricca che ancora non è stata esplorata a fondo. Aneddoto davvero dolce è quello che vorrebbe come protagonista di questo film il suo amico e collega Tommy Flannagan, che Charlie conosce da molto prima delle riprese di Sons of Anarchy. A questo proposito Charlie ha affermato che sarebbe onorato di essere lui a dare a Tommy il primo ruolo da protagonista della sua carriera e che per lui sarebbe come se due migliori amici si impegnassero a raccontare una storia. #Bromance

Guillermo Del Toro

“This has been one of the most enjoyable experiences I’ve had with an actor.”
Guillermo Del Toro su Charlie Hunnam

guillermo-del-toro-charlie-hunnam-comic-conIl primo incontro tra Charlie e Guillermo risale ai tempi di Hellboy 2, quando il regista lo chiamò per interpretare un principe che aveva una gemella identica a lui. Il provino andò bene ma purtroppo i due attori non erano abbastanza simili da risultare gemelli, quindi Hunnam non ottenne la parte. Nonostante questo, Del Toro continuò a seguire il ragazzo su Sons of Anarchy – complice il fatto che recitasse spalla a spalla con Ron Perlman, l’Hellboy di Del Toro – e così arrivò alla decisione che Charlie era il ragazzo perfetto per salvare il mondo. Charlie non fece nessun tipo di provino per Pacific Rim, a Del Toro bastò chiacchierare con lui per un paio di ore del progetto – ovviamente nella sua famosissima Bleak House – per sapere che Charlie era l’attore giusto per quel ruolo.
Il loro è un rapporto basato sul rispetto reciproco ed ogni volta che Charlie deve parlare di Del Toro in qualche intervista, lo fa sempre con la massima stima e rispetto. Ed evidentemente è una cosa reciproca, visto che vedremo Charlie anche nel prossimo film di Guillermo Del Toro, Crimson Peak. Ma non solo, Del Toro ha dichiarato categoricamente di volere Charlie Hunnam in ogni film British che farà da qui fino alla fine dei tempi… e allora Guillermone, fanne di film british, fanne quanti ne vuoi!
Inoltre è stato da poco annunciato Pacific Rim 2 e indovinate chi farà parte di nuovo del cast?

Il caso di 50 Sfumature
C’è ben poco da dire, se non qualche considerazione personale.
Circa due anni fa l’autrice del libro aveva informato via Twitter che Charlie Hunnam sarebbe stato il suo Christian Grey e, a luce di questa informazione, si è scatenato il finimondo. Ovunque si leggeva di ragazze indignate che non ritenevano Charlie bello abbastanza (Dio, come siete ridicole) affiancate da chi, come me, aveva visto in Hunnam una ragione per vedere il film.
Dopo qualche mese Charlie dichiara di dover rinunciare al film per motivi logistici: non credeva di riuscire a saltare da un ruolo ad un altro (da quello di Jax a quello di Christian), specialmente perché così diversi l’uno dall’altro. O almeno questa è la versione ufficiale.
La verità, secondo me, è questa: con tutto il rispetto possibile – e cioè, nessuno – che cazzo gliene frega a Charlie Hunnam di lavorare con un’anonima Sam Taylor-Johnson quando ha lavorato con registi del calibro di Sutter e Del Toro? Ve lo dico io, non gliene frega un cazzo, e si è visto.
Giustamente ha preferito farsi conoscere per il suo talento piuttosto che accettare un film che lo avrebbe bollato per il resto della sua vita come “Christian Grey”.

Riconoscimenti

National Board of Review (2002) come Miglior Interpretazione – Vinto
EWwy Award (2011) come Miglior Attore in una serie drammatica – Nominato
Critics Choice Television Award (2012) come Miglior Attore in una serie drammatica – Nominato
EWwy Award (2012) come Miglior Attore in una serie drammatica – Nominato
Pan-American Association of Film & Television Journalists (2013) come Miglior Cast in una serie drammatica – Nominato
Huading Award (2013) come Miglior Attore emergente – Vinto
EWwy Award (2014) come Miglior Attore in una serie drammatica – Nominato
People Choice Awards (2015) come Serie TV via cavo preferita – Nominato

Terminiamo in bellezza con il video del behind the scene dell’ultimo servizio di Charlie Hunnam per Men’s Health; anche se non capito un tubo di inglese VALE LA PENA vederlo perché, detto onestamente, non credo che nessuno abbia prestato attenzione nemmeno a mezza parola detta.

Non dimenticatevi di passare nela nostra pagina facebook dalle pagine Sons of Anarchy Italia e Charlie Hunnam Italia, per restare sempre aggiornati sullo show…e non solo! e da Together We Fandom!

Previous articleThe Flash – Recensione 1×07 – Power Outage
Next articleScandal – Olivia e la caccia al B613
Top 5 : Banshee, Twin Peaks, Son of Anarchy, Homeland, Downton Abbey.Nata e cresciuta in mezzo al verde e alla campagna nel lontano 1990, Jeda sviluppa sin da piccola l’innata capacità di stare ore ed ore seduta di fronte un qualsiasi schermo a guardare serie tv - che, in età infantile, erano cartoni animati. È una dote che le tornò utilissima con l’avvento dello streaming, riuscendo a vedere telefilm senza stancarsi mai, ignorando completamente lo studio e i risultati si vedono: fuoricorso da circa mille anni, la sua preoccupazione principale è quella di riuscire ad essere in paro con i recuperi, almeno una volta nella vita. Le piace leggere, scrivere ed ha una passione quasi ingestibile per le cose oscene.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here